×

Neonato positivo necessita della terapia intensiva, ma in Campania non c’è posto: trasferito a Roma

Un neonato positivo necessita della terapia intesiva, ma in Campania non c'è posto e viene trasferito a Roma.

Neonato positivo trasferito Roma

Un neonato di pochi giorni è risultato positivo al covid e per lui si è reso necessario il ricorvero in terapia intensiva neonatale, ma in Campania non ci sarebbe stato nessun ospedale in grado di ospitarlo. È questo il racconto della vicenda fornito da Fanpage che parla di un’attesa di otto ore prima che il bambino nato lo scorso 20 dicembre all’Ospedale Civile San Rocco Sessa Aurunca riuscisse a trovare un posto.

Non in Campania però, dove nessun aveva più modo di accudirlo, ma a Roma, all’ospedale Sacro Cuore di Gesù, dove il bimbo è stato trasferito

Neonato positivo trasferito a Roma

Sempre secondo quanto riferito da Fanpage, il nosocomio romano sarebbe stato l’unico ad aver dato la propria disponibilità alla ricovero del paziente. Una fonte sanitaria autorevole avrebbe poi offerto maggiori dettagli sulla vicenda dicendo che la mamma del bambino sarebbe risultata positiva al covid subito dopo il parto così come suo figlio.

Neonato positivo cerca un letto in ospedale in Campania, ma non c’è: trasferito a Roma

Il piccolo avrebbe da subito accusato una forte febbre, con i pediatri che avrebbero indicato per lui la necessità di ottenere un ricovero in terapia intensiva neonale. Da li il caos con i soli 14 posti disponibili in Campania (metà dei quali a Napoli) occupati. Solo dopo otto ore di ricerca per il piccolo è stato possibile il ricovero, a Roma, con annesse altre tre ore di trasferimento. 

Neonato positivo trasferito a Roma, in Campania non c’era posto

Anche la mamma del bambino è attualemente in ospedale, ma per fortuna le sue condizioni non sarebbero gravi. Quanto al papà del bambino e ai due fratelli del neonato, al momento si troverebbero a casa e sarebbero tutti negativi.

Contents.media
Ultima ora