×

Netflix: gruppo fa pace col fisco in Italia e versa 55,8 mln euro (2)

default featured image 3 1200x900 768x576

(Adnkronos) – Le indagini, affidate al pm Gaetano Ruta ora nelle fila della procura europea, seguono lo sviluppo di analisi preliminari fatte dalla Guardia di finanza sui principali modelli di business delle Big tech della Digital economy, "da cui era preliminarmente emersa la presenza in Italia dell'operatore estero, già a far data dal mese di ottobre del 2015".

La piattaforma televisiva in streaming sviluppata da Netflix, che si avvale di una propria rete per la trasmissione dei contenuti digitali in grado di erogare il 100 per cento del traffico video del gruppo, prima dell'avvio delle indagini "non era identificata fiscalmente in Italia", spiegano gli inquirenti.

L'attività di polizia giudiziaria ed economico-finanziaria – svolta anche con il contributo di professionisti esperti del settore tecnologico ed informatico – ha permesso l'esatta ricostruzione dell'estensione dell'infrastruttura digitale (denominata Content delivery network) con cui il gruppo multinazionale è stato in grado di diffondere il traffico video con elevatissimi standard qualitativi; l'infrastruttura "è stata ritenuta essenziale e significativa" ai fini dello sviluppo del business dell'impresa estera sul territorio nazionale, "poiché avrebbe garantito l'offerta di un servizio streaming di qualità agli utenti finali, grazie alla prossimità dei server rispetto al mercato di riferimento".

In particolare, il Content delivery network del gruppo è risultato composto da oltre 350 server, che sarebbero stati utilizzati in via esclusiva ed installati stabilmente sull'intero territorio nazionale presso Data Center ed i principali operatori di telefonia. Questa "complessa ed evoluta" infrastruttura tecnologica avrebbe costituito la base su cui la Guardia di finanza prima e l'Agenzia delle Entrate dopo hanno individuato presupposti tecnico-giuridici per la configurazione di una "stabile organizzazione 'materiale' di un'azienda estera, ritenuta idonea a produrre reddito d'impresa in territorio italiano".

La multinazionale, al termine della fase di accertamento fiscale condotto dall'Agenzia delle Entrate, ha proceduto al versamento complessivo di euro 55.850.513 a titolo di imposte, sanzioni ed interessi, per definire ogri pendenza con il fisco italiano per il periodo dall'ottobre 2015 fino al 2019. Inoltre, "a partire dal primo gennaio 2022, è stata costituita una società di diritto italiano che ha iniziato a stipulare i contratti e fatturare i corrispettivi provenienti dagli abbonamenti sottoscritti con gli utenti nazionali.

Ciò determinerà la tassazione in Italia dei redditi ivi prodotti dalla vendita degli abbonamenti agli utenti residenti sul territorio nazionale", si spiega nel comunicato stampa diffusa dal procuratore di Milano Marcello Viola.

Contents.media
Ultima ora