×

New York, strage di uccelli migratori: disorientati dalle luce si schiantano contro i grattacieli

New York, strage di uccelli migratori: disorientati dalle luce si schiantano contro i grattacieli: una volontaria di "Audubon" posta la foto di Twitter

Alcuni degli uccelli morti a New York

A New York è ormai strage di uccelli migratori: secondo una spiegazione semplice quanto drammatica disorientati dalle luci i volatili si schiantano contro i grattacieli. L’’inquietante fenomeno è stato registrato soprattutto nella zona del World Trade Center e postato su Twitter dalla volontaria Melissa Breyer, che ha illustrato con foto agghiaccianti gli effetti dell’antropizzazione sulle specie che volano nel cielo della Grande Mela. 

New York e gli uccelli migratori: la mattanza con le carcasse per strada

Secondo i media che stanno riportando il fenomeno gli uccelli muoiono schiantandosi contro le vetrate dei grattacieli di New York. L’intera zona che gravita intorno allo spot del World Trade Center è disseminata di carcasse di uccelli morti: secondo quanto denunciato dai volontari sarebbero almeno 300 i corpi ritrovati finora sui marciapiedi. 

Gli uccelli migratori che muoiono: il report di New York Audubon

Ad analizzare il fenomeno l’ente New York Audubon, che in esso vede una persistenza che sarà difficile debellare.

Perché? Perché il cambiamento climatico e le  perturbazioni sempre più intense costringono gli uccelli, in particolare stormi e passeracei, “a volare più in basso di quanto dovrebbero, facilitando così lo schianto sui grattacieli”. 

Strage di uccelli migratori: cosa potrebbe fare New York per contenerla

Nel novero delle case scatenanti della mattanza anche le luci notturne, che hanno effetti devastanti sulle specie migratorie. Il dato è che il New York Audubon ha chiesto ai gestori delle torri del World Trade Center di applicare misure per ridurre il fenomeno.

Come? Attenuando la potenza delle luci e trattando i vetri delle finestre per renderli più visibili per gli uccelli.

Contents.media
Ultima ora