×

Niall Parakos si getta da un ponte: il messaggio su facebook

default featured image 3 1200x900 768x576

Prima di slattare giù da un ponte, un ragazzo di soli 21 anni scrive su Facebook un messaggio devastante. Poi decide di farla finita e salta.

Un messaggio tremendo quello postato dal giovane sul suo profilo Facebook. Niall Parakos, soli 21 anni, aveva una gravissima depressione da cui non è riuscito ad uscire.

Così la depressione ha vinto e il giovane si è buttato da un ponte.
Niall Parakos aveva tentato di uscire dalla sua crisi depressiva, era stato da medici specialistici e da psicologi, ma aveva sempre evitato il confronto con la sua famiglia per non farla soffrire. Il ragazzo era in terapia, terapia che però non ha funzionato. Niall Parakos comprava dei farmaci online al fine di riuscire a battere la sua tremenda depressione.

Il giovane voleva terminare gli studi, giovane che stava per conseguire la laurea triennale presso la Northumbria University.

La sua morte, morte drammatica è dello scorso marzo, periodo in cui scattò poi un’inchiesta. Niall Parakos si era buttato dall’Armstrong Bridge di Newcastle, e l’inchiesta però si è conclusa solo questa settimana.
Infatti il medico legale ha definito che Niall Parakos perdeva anche delle droghe, droghe legali, ma abusava anche di ecstasy.

Quindi la sua morte non è stata definita come suicidio: il patologo, il Dr Clive Bloxham ha infatti stabilito che nel suo corpo era presente una tale quantità di droga capace da sola da ucciderlo.
Prima del grande salto nel vuoto, Niall Parakos, ha però lasciato un messaggio sul suo profilo Facebook, messaggio in cui ringrazia tutte le persone care e anche il servizio di assistenza. assistenza che però gli ha mandato vari messaggi che : “Non sono stati sufficienti per me”.

Questo il messaggio integrale:

Volevo solo dire un grazie speciale a Laura Joice, Joanna Street e a Rhiannon Winfield. Senza quei tre angeli non sarei arrivato fin, anche senza tutti i miei amici……… purtroppo, i vostri messaggi non erano abbastanza per me e mi sono sentito una merda dopo. Per favore che nessuno si incolpi per questo e vi prego di trasmettere i sentimenti dai miei appunti lasciati sul mio computer. Mi dispiace tanto davvero. Io non posso essere più forte di così.”

Contents.media
Ultima ora