Nicola Marra, morto dopo la discoteca: verità dall'autopsia
Nicola Marra, morto dopo la discoteca: verità dall’autopsia
Cronaca

Nicola Marra, morto dopo la discoteca: verità dall’autopsia

Nicola Marra
Nicola Marra

Nicola Marra, 24enne di Chiaia, in provincia di Napoli, è stato trovato senza vita in un burrone a Positano dopo una serata in discoteca

Nicola Marra, giovane 21enne di Chiaia, in provincia di Napoli, aveva fatto perdere le proprie tracce dopo una serata trascorsa in discoteca a Positano. Il suo corpo è stato poi ritrovato dopo 24 ore in un vallone. Secondo quanto emerso dalle prime indagini, dopo la discoteca il ragazzo si era incamminato a piedi lungo la zona collinare di Positano, dove poi è stato ritrovato ormai purtroppo cadavere.

Il ritrovamento della camicia di Nicola lungo il sentiero ha reso più agevole la ricerca dei soccorritori, che comunque sono arrivati troppo tardi. Il 21enne, studente alla Luiss, è stato visto da alcuni conoscenti mentre si allontanava dalla discoteca in lacrime. Tra le ipotesi della morte si ipotizza quella di un malore oppure di un incidente occorso mentre percorreva il sentiero a piedi.

La salma di Nicola Marra è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale “Ruggi d’Aragona” di Salerno, dove verrà effettuata l’autopsia. Grazie all’esame autoptico si spera di poter dare un risvolto sulle modalità della morte del giovane.

Intanto continuano le indagini dei carabinieri della compagnia di Amalfi, agli ordini del capitano Roberto Martina. Vengono interrogati gli amici di Nicola così come tutte le persone che lavorano all’interno del Music on The Rock, l’ultimo locale pubblico dove il ragazzo è stato visto.

La ricostruzione delle ultime ore

Nicola Marra è stato trovato senza ecchimosi ed è stato visto camminare in direzione del Cimitero Vecchio da solo. Al momento dunque non sussistono ipotesi di omicidio. Si tratta probabilmente di un incidente, dal momento che il punto dove si è stato trovato è piuttosto pericoloso e scivoloso.

Nicola non ha scavalcato nessun parapetto: era soltanto nervoso perché non trovava il biglietto per recuperare il suo giaccone. Nella confusione della discoteca aveva perso il suo cellulare, ma poi ne aveva trovato uno simile. Pensando fosse il suo lo aveva portato con sé. Quando gli amici hanno provato a chiamarlo, a rispondere al suo cellulare era stata una ragazza. La giovane ha detto loro di aver trovato il telefono smarrito.

È stato allora che i ragazzi si sono allarmati.

Al momento della scomparsa, Nicola Marra era dunque da solo. Le telecamere lo hanno ripreso fino ai Mulini, poi dopo Via Cristoforo Colombo e la Sponda. Qui aveva parcheggiato l’auto, che ha anche preso una multa per divieto di sosta. Il giovane ha poi lasciato via Kempff e percorso le scale che lo hanno condotto verso una morte che nessuno avrebbe voluto. Perché sia salito su quelle scale rimane ancora un mistero.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche