×

Nigeria, 100 bambini rapiti da un gruppo di uomini armati in una scuola coranica

Oltre cento bambini sono stati rapiti da una scuola islamica in Nigeria: si ritiene che per la liberazione servirà il pagamento di un riscatto.

Bambini rapiti scuola Nigeria

Damma in Nigeria, dove oltre cento bambini sono stati rapiti da una scuola coranica da un gruppo di uomini armati. Secondo le autorità locali è probabile che per la liberazione venga richiesto un riscatto in denaro. 

Bambini rapiti in una scuola in Nigeria

Il rapimento è avvenuto nella scuola islamica Salihu Tanko di Tegina, una cittadina dello stato del Niger a meno di duecento kilometri a nordovest dalla capitale Abuja. Secondo le prime ricostruzioni gli addetti stavano registrando per l’ingresso circa duecento bambini quanto all’improvviso un guppo di uomini armati ha preso una quota parte di alunni. 

Il dirigente scolastico ha spiegato che molti sono riusciti a fuggire e che i rapitori hanno in un secondo momento lasciato andare quelli con età compresa tra 4 e 12 anni, considerati  troppo piccoli per camminare, tra i 4 e i 12 anni.

Il medesimo ha dichiarato di non avere cifre precise sul numero di bambini rapiti.

Bambini rapiti in una scuola in Nigeria: ipotesi riscatto

Le autorità nigeriane ritengono che si sia tratatto di un sequestro a scopo estorsivo, modalità molto frequente nella zona. Soltanto il giorno prima erano infatti stati rilasciati quattordici studenti nello stato di Kaduna, dopo quaranta giorni di detenzione. Cinque scolari erano stati assassinati dai loro rapitori per fare pressione sulle famiglie e costringere il governo a pagare il riscatto.

Sulla stampa locale si legge che le famiglie hanno dovuto pagare in totale 180 milioni di Naira (357 mila euro) per riavere i propri figli.

Bambini rapiti in una scuola in Nigeria: i precedenti

Dal dicembre 2020 sono stati sequestrati in totale 730 bambini e adolescenti. Lo scopo dei gruppi armati è quello di ottenere denaro per finanziare le attività criminali di gruppi terroristici. Uno dei rapimenti più noti fu quello del 2014, quando quando Boko Haram rapì 276 studentesse di cui molte furono liberate o riuscirono a scappare.

Un episodio simile avvenne il 26 febbraio 2021 quando furono prelevate con la forza trecento studentesse in una scuola del nord-ovest del paese. Sequestrate durante le lezioni, grazie ad un negoziato vennero liberate dopo pochi giorni senza alcun pagamento di riscatto.  Molte di esse avevano soltanto dieci anni e al loro ritorno furono accolte dalle grida di gioia e sollievo dei familiari.

Contents.media
Ultima ora