Nizza: accertamenti su tunisini residenti a Bari. Erano in contatto con l'attentatore
Nizza: accertamenti su tunisini residenti a Bari. Erano in contatto con l’attentatore
Attualità

Nizza: accertamenti su tunisini residenti a Bari. Erano in contatto con l’attentatore

questura di bari

La Questura di Bari indaga su alcuni cittadini tunisini, su segnalazione delle autorità giudiziarie francesi. Massimo riserbo sull’andamento delle indagini.

Sono stati avviati degli accertamenti da parte della Questura di Bari su alcuni cittadini tunisini residenti in provincia di Bari. Gli indagati sembrerebbero essere stati in contatto per diverse settimane con il protagonista dell’attentato di Nizza, su segnalazione delle autorità francesi. Non sono state rilasciate notizie sulle indagini in corso, su cui gli investigatori mantengono la massima riservatezza; il coordinamento delle verifiche è sotto il comando del neo procuratore aggiunto Roberto Rossi, magistrato antimafia. Negli ultimi mesi, Rossi ha aperto diverse inchieste su alcuni passaggi sospetti dal porto di Bari e sulla possibilità che la città sia sfruttata come base logistica di supporto per i cosiddetti foreign fighters. In particolare, è stata posta l’attenzione sull’analisi di alcuni tabulati telefonici, dai quali emergerebbero telefonate verso numeri internazionali di Stati come Iraq, Francia, Germania, Regno Unito, Repubblica Ceca, Tunisia, Norvegia, Grecia, Svizzera, Romania e Afghanistan.

Le indagini proseguono anche su questa pista, con la collaborazione degli investigatori esteri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche