×

No Vax in attesa del tampone: “Oggi questo, domani il microchip. Draghi? Si è iniettato acqua”

I No Vax affollano le farmacie di tutta Italia per effettuare il tampone e ricevere un Green Pass momentaneo. Nell'articolo alcune delle loro teorie.

No Vax

Sono sempre più agguerriti i No Vax, che da oggi, dato che è scattato l’obbligo di Green Pass per accedere al luogo di lavoro, si sono recati in farmacia per effettuare un tampone rapido ed ottenere una certificazione che durerà qualche giorno.

Tutto questo per non vaccinarsi.

No Vax in coda in farmacia per il tampone

Le code sembrano quasi interminabili e gli animi dei No Vax, che attendono il loro turno per effettuare il tampone, sono sempre più tesi. Molti rendono la coda sempre più snervante e lunga poichè insistono con i farmacisti per ottenre uno sconto, altri urlano il proprio dissenso cercando complici tra coloro che sono in attesa.

No Vax in coda in farmacia per il tampone: le teorie dei No Vax

Non mancano le testimonianze di alcuni di loro che hanno espresso delle teorie alquanto complottiste come ad esempio che Draghi e Mattarella invece del vaccino si sarebbero fatti iniettare l’acqua; o che dopo il vaccino obbligatorio per i bambini, ci verranno iniettati dei microchip. Molti invece hanno detto che preferirebbero perdere il lavoro piuttosto che vaccinarsi.

No Vax in coda in farmacia per il tampone: le testimonianze di farmacisti ed infermieri

Oltre alle testimonianze dei No Vax, vi sono anche quelle di alcuni farmacisti e di un’infermiera, che durante le manifestazioni in piazza della scorsa settimana hanno ricevuto minacce da molti No Vax e No Green Pass e hanno dovuto trovare riparo in farmacia fino alla fine delle proteste.

Contents.media
Ultima ora