×

“Non sapevo di essere incinta”: la storia di Charlotte

“Non sapevo di essere incinta”: arriva da Newcastle, nel Regno Unito, la bella e surreale storia di Charlotte Thomson e della sua maternità

Charlotte e la sua maternità "non annunciata"

“Non sapevo di essere incinta”: la storia di Charlotte Thomson ha dell’incredibile. La giovane del Regno Unito, come un’altra sua connazionale ha vissuto la più bella delle esperienze senza avere alcuna avvisaglia di quello che le stava accadendo, ed è stato così che la 19enne inglese di Newcastle, nel Regno Unito si è ritrovata madre della splendida Molly senza alcun segno premonitore di quelli che preludono alla maternità.

E la condizione di cui Charlotte ha goduto fino alla scoperta di essere una madre in procinto di partorire è di quelle che mettono fuori gioco ogni pensiero sul tema. Un ciclo regolarissimo, un fisico da modella e un metabolismo per nulla alterato, insomma, in un certo senso lo “starter pack” della giovane donna che a tutto pensa meno che alla maternità.

“Non sapevo di essere incinta”: il regalo inaspettato per Charlotte

Però l’imponderabile è in agguato, agguato benevolo a contare cosa alla fine è arrivato in regalo a Charlotte che in pochi minuti ha sciolto ogni dubbio sulla maternità. E quel qualcosa prende sostanza con un esordio non dei più piacevoli: dei forti dolori all’addome che, dopo un po’, spingono la giovane a correre in ospedale. Ed è lì che Charlotte scopre che quei dolori non hanno un’origine patologica, lo scopre a metà strada esatta fra sollievo e sorpresa perché i medici le dicono con molta serenità che sta per partorire.

Neanche il tempo di realizzare l’idea, una cosa in quelle circostanze considerata inconcepibile, che Charlotte effettivamente partorisce e dà alla luce la splendida, piccola Molly.

A sorpresa arriva Molly: “Ma io non sapevo di essere incinta”

La giovane passa così dal centellinare drink con gli amici a realizzare che ora una vita dipende da lei, un corpo è attaccato al suo corpo e da quello dipende in ogni suo più piccolo e recondito bisogno.

Raccolta Charlotte: “Una notte ho avuto forti dolori allo stomaco e i medicinali non riuscivano a sedarli. Allora ho chiamato un taxi e sono corsa in ospedale. Quando il medico mi ha detto che avrei dovuto parlare con un’ostetrica sono rimasta di sasso. Ero incinta al nono mese e non ne avevo idea. La mia pancia era piatta e ho continuato a indossare vestiti attillatissimi. Anche il ciclo era regolare”.

“Non sapevo di essere incinta ma appena ho stretto Molly me ne sono innamorata”

Molly è venuta al mondo in meno di due ore ed è una bimba bellissima, una bimba che non ha minimamente risentito del regime alimentare e dello stile di vita di una mamma che, legittimamente, ha continuato a fare per mesi tutto quello che fa una 19enne inserita socialmente. E Charlotte ha trovato anche il tempo per trasformare in parole quel moto di gioia improvvisa che ha fatto irruzione nella sua vita con il primo vagito di Molly: “Ero terrorizzata dall’idea di diventare madre senza preavviso a 19 anni. Ma appena ho stretto Molly, me ne sono innamorata“.

Contents.media
Ultima ora