> > Nord Stream, una grande nuvola di metano nei cieli di Svezia e Norvegia

Nord Stream, una grande nuvola di metano nei cieli di Svezia e Norvegia

L'area di perdita del metano sul Nord Stream

Nord Stream, una grande nuvola di metano nei cieli di Svezia e Norvegia con 40.000 tonnellate di gas rilasciate dal momento del sospetto sabotaggio

Nord Stream, ci sarebbe una grande nuvola di metano nei cieli di Svezia e Norvegia e secondo i calcoli dopo la fuga dai gasdotti il livello sui due paesi è arrivato a quote da record.

A riferirlo sono i media svedesi e norvegesi, che usano proprio l’immagine di una “grande nuvola” ovviamente invisibile a contare le caretteristiche del gas rilasciato. Secondo quelle informazioni “il 96% del gas nel Nord Stream 1 e 2 era metano”. E quali calcoli supportano le notizie? 

“Nuvola” di metano nei cieli di Svezia e Norvegia

Sarebbero quelli di Stephen Matthew Platt, scienziato del clima presso l’istituto norvegese di ricerca sull’aria Nilu.

I conti sono questi: si tratterebbe di “circa 40.000 tonnellate di metano rilasciate dal sospetto sabotaggio”. Ha detto lo studioso: “Le emissioni corrispondono al doppio delle emissioni annuali di metano dell’industria petrolifera e del gas in Norvegia”. 

Lo studioso: “Mai visto niente di simile”

“Sono livelli record, mai visto niente di simile prima in Norvegia e Svezia”. Tutto questo accade nelle ore concitate in cui la Russia, per bocca del capo dei servizi di intelligence, sostiene di avere “materiale” che indica il coinvolgimento dell’Occidente (l’accusa pare mirata sugli Usa)  nel sabotaggio degli oleodotti Nord Stream.