×

Nozze gay, entrano in vigore in Germania: a Berlino il primo ‘si’

Nozze gay, i primi a sposarsi (e a fare la storia) sono stati Karl Kreile e Bobo Mende, due dipendenti pubblici di Berlino.

default featured image 3 1200x900 768x576

Le prime nozze gay sono state celebrate in Germania, a Berlino, e gli sposi, Karl Kreile e Bobo Mende, hanno coronato il loro sogno d’amore e, finalmente, sono diventati a tutti gli effetti di legge marito e marito.

È dunque stata la Germania la prima nazione in cui è entrata in vigore la legge federale che riconosce i matrimoni fra persone dello stesso sesso e li equipara in tutto alle nozze eterosessuali.

Quasi a celebrare un tale primato, la prima coppia a convolare a nozze è formata da due dipendenti pubblici di Berlino, che stanno insieme dal 1979.

Karl Kreile e Bobo Mende, rispettivamente 59 e 60 anni, hanno detto “sì” nel municipio di Schoenberg. Prima di questo importante momento a nessuno era stato ancora concesso di contrarre a tutti gli effetti un matrimonio, l’avvento delle unioni civili aveva dato la possibilità di fare un grande passo avanti, ma adesso sarà tutto diverso.

nozze gay

Raggiunto questo importante risultato, quindi, da tutto il Paese sono giunte tantissime richieste per contrarre le nozze, così tante che hanno spinto gli uffici dell’anagrafe a restare aperti. In Germania esistono da anni le “eingetragenen Partnerschaften”, le unioni civili, ma Angela Merkel si era sempre espressa contro un’equiparazione con il matrimonio tra uomo e donna.

Eppure, nonostante questo, qualche giorno fa è giunta la spiazzante dichiarazione, che ha sostanzialmente annientato un argomento da campagna elettorale della Spd. La legge che garantisce pari dignità tra le nozze tra persone eterosessuali e omosessuali è proposta ormai da tutti i partiti tranne l’Afd e, fino a qualche giorno fa, la Cdu/Csu. La votazione si è conclusa con 393 voti favorevoli, 226 contrati e 4 astenuti.

Prima delle votazioni le dichiarazioni di Angela Merker che ha voluto ribadire il suo pensiero: “Per me il matrimonio è fondamentalmente un’unione fra uomo e donna, e per questo ho votato contro.”.

Le unioni civili in Italia

Si definiscono unioni civili tutte quelle forme di convivenza di coppia, basata su vincoli affettivi ed economici, alla quale la legge riconosce attraverso uno specifico istituto giuridico o uno status giuridico analogo, per molti aspetti, a quello conferito dal matrimonio. In Italia l’istituto giuridico dell’unione civile è regolato dalla Legge 20 maggio 2016 N. 76.

Le unioni civili nel resto del mondo

La classe delle unioni civili è molto variegata nel mondo e comprende un’estrema varietà di regole e modelli di disciplina: in particolare, le unioni civili possono riguardare sia coppie sia di sesso diverso che dello stesso sesso (come nel caso dei PACS in Francia), sia esclusivamente coppie di sesso diverso (come in Grecia fino alla riforma del 2015 che ha aperto l’accesso dell’istituto anche alle coppie omosessuali), sia esclusivamente coppie di sesso uguale (come nel caso delle Lebenspartnerschaft in Geemania e nel caso delle unioni civili previste in Italia).

Contents.media
Ultima ora