Nuova voragine a Roma: dalla buca un "geyser" di 10 metri
Nuova voragine a Roma: dalla buca un “geyser” di 10 metri
Cronaca

Nuova voragine a Roma: dalla buca un “geyser” di 10 metri

Voragine e geyser a Roma
Voragine e geyser a Roma

A Roma, in zona via di Monteverde si apre una voragine. E dalla buca un "geyser" di 10 metri. Il degrado delle strade romane.

Nuova vicenda che ha a che fare con le pessime condizioni delle strade di Roma. In via di Monteverde, all’altezza di San Vincenzo de Paoli si è aperta una voragine. Dalla buca si è poi sprigionato un fortissimo getto d’acqua che ha inondato le zone circostanti.

Voragine e “geyser” in via di Monteverde

Un “geyser” di oltre 10 metri di altezza si è sprigionato dalla voragine che si è aperta in via di Monteverde ed ha allagato le strade della capitale, ma restano ancora oscure le cause. All’origine dell’insolito fenomeno è il danneggiamento di una tubatura. I vigili del fuoco hanno parlato di una rottura del condotto sotterraneo,ma non hanno ancora chiarito se si sia trattato della causa o della conseguenza della frana del manto stradale. La buca si è aperta al lato della strada verso il marciapiede e un’auto parcheggiata, una toyota Yaris, ha rischiato di essere inghiottita dalla frana. Una pattuglia della polizia stradale, subito accorsa sul posto alle 7 di lunedì 6 agosto 2018, si è preoccupata di mettere in sicurezza la zona, bloccando l’accesso a via Monteverde.

Mentre i vigili del fuoco stanno cercando di arginare l’allagamento.

Una situazione di degrado

Questa di oggi, è l’ennesima buca che si apre per le strade della Capitale, ridotte ormai da mesi a colabrodo, che hanno costretto a chiusure e deviazioni, complicando ulteriormente la circolazione automobilistica. La voragine che lo scorso 14 maggio sbriciolò l’asfalto in Via Damiano Chiesa aveva costretto le forze dell’ordine a sbarrare i collegamenti tra la Balduina e Pineta Sacchetti, nei pressi del Policlinico Gemelli.

I lunghissimi tempi necessari per la messa sicurezza del tessuto stradale, a cui deve aggiungersi la lentezza che caratterizza l’urbanistica italiana, aggravano ulteriormente la condizione dei residenti. In via Damiano Chiesa, dopo ben 4 mesi, la buca non c’è più e la strada è stata risanata. Ma la situazione del traffico non accenna a migliorare a causa dell’obbligo di percorrenza in un solo senso che crea non pochi disagi ai cittadini residenti nella zona. A luglio, anche a causa delle alte temperature l’asfalto ha ceduto di nuovo.

Questa volta in via della Camilluccia, all’altezza dei Colli della Farnesina. E si tratta solo della punta dell’iceberg.

A Roma 90 voragini all’anno

Si stima che a Roma si sia verificata una media di 90 voragini all’anno negli ultimi 8 anni. Sono 28 le zone a rischio frana e 383 i fenomeni franosi, con un connesso e diffuso rischio alluvioni che coinvolge ben 250 mila abitanti di una città le cui strade rischiano di crollare per il solo effetto delle piogge. Roma, la città Eterna si rivela essere estremamente fragile con i suoi oltre 32 kmq di gallerie sotterranee e 700 km di reticolo idrico con canali e fossi in grave degrado. Questi dati, che arrivano direttamente dal primo rapporto su rischio alluvioni, frane, cavità del sottosuolo e acque sotterranee, intervengono a spiegare l’insolito fenomeno del “geyser urbano” di oggi, 6 agosto 2018, mettendo in luce l’esigenza di diffusi interventi di prevenzione strutturale.

Una manutenzione da 1040 miliardi

A effettuare i primi rilevamenti nelle aree urbane a rischio l’Autorità del Distretto idrografico dell’Italia Centrale insieme con il Dipartimento della Protezione Civile nazionale, l’Ispra e la struttura di missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche #italiasicura.

Le cifre raccolte, riordinate nel rapporto “II Piano Roma Sicura”, sono state presentate nell’aprile 2018, ma ancora lunga si prevede la strada per arginare frane e smottamenti nella Capitale. Si calcola infatti che per la manutenzione delle antiche strade della città dovranno essere stanziati ben 1040 milioni nell’arco di 10 anni.

E intanto i cittadini romani non resta che sperare di non essere inghiottiti dalla prossima voragine.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche