×

Nuovi colori delle regioni da lunedì 21 giugno: quasi tutta Italia verso la zona bianca, il calendario

Tutte le Regioni e le Province autonome dell’Italia potrebbero passare in zona bianca a partire dal prossimo lunedì 21 maggio.

Italia
CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 82

Tutte le Regioni e le Province autonome dell’Italia potrebbero entrare in zona bianca a partire dal prossimo lunedì 21 giugno: è quanto suggeriscono i dati sinora raccolti sul territorio nazionale nel corso delle ultime settimane.

Italia in zona bianca dal 21 giugno, il caso della Valle d’Aosta

In relazione al monitoraggio condotto in Italia sull’andamento della pandemia di coronavirus, appare sempre più plausibile che tutte le Regioni e le Province autonome del Paese possano passare in zona bianca da lunedì 21 giugno.

Una simile ipotesi potrebbe realizzarsi nel momento in cui venisse approvato il passaggio anche per la Valle d’Aosta: a questo proposito, la Regione dovrebbe trascorrere un ulteriore settimana in zona gialla e diventare zona bianca dal lunedì 28 giugno (nel caso in cui i contagi Covid dovessero riconfermarsi entro i valori previsti).

I dati della Valle d’Aosta, infatti, sono compatibili con il trasferimento in zona bianca da due settimane ma, per ufficializzare la riclassificazione, la medesima situazione deve essere registrata per tre settimane. Ciononostante, la Regione ha chiesto al Governo di anticipare lo spostamento di una settimana: la richiesta è attualmente sottoposta al vaglio delle autorità competenti.

A ogni modo, sarà possibile scoprire se l’Italia si sia integralmente tinta di bianco nel corso della giornata di venerdì 18 giugno ovvero nel momento in cui il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo aver valutato i dati emersi dal monitoraggio settimanale della cabina di regia Iss-ministero, firmerà la nuova ordinanza che indicherà quali Regioni e Province autonome sono state considerate idonee per il passaggio.

Italia in zona bianca dal 21 giugno, le Regioni che verranno riclassificate

In particolare, a eccezione della Valle d’Aosta e alla singolarità del suo caso, da lunedì 21 giugno dovrebbero ufficialmente entrare in zona bianca Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Sicilia, Toscana e la Provincia autonoma di Bolzano.

In questi contesti, infatti, è stata osservata un’incidenza inferiore ai 50 contagi ogni 100 mila abitanti per tre settimane consecutive.

Nello specifico, nelle ultime due settimane, in Basilicata sono stati rilevati 35 e 39 nuovi casi di positività; in Calabria, 43 e 36 nuovi casi di positività; in Campania 43 e 31 nuovi casi di positività; nelle Marche, 34 e 28 nuovi casi di positività; in Sicilia, nonostante la presenza di alcune zone rosse localizzate, c’è stata un’incidenza di 47 e 40 nuovi casi di positività; in Toscana, 39 e 28 nuovi casi di positività; nella Provincia autonoma di Bolzano, 41 e 31 nuovi casi di positività.

Italia in zona bianca dal 21 giugno, la revoca delle restrizioni

La riclassificazione in zona bianca comporta l’abrogazione di quasi tutte le restrizioni presenti in Italia per contrastare la diffusione del SARS-CoV-2.

Se, da un lato, viene confermato anche in zona bianca l’obbligo di indossare la mascherina e di rispettare il distanziamento sociale, dall’altro viene revocato il coprifuoco. A questo proposito, tuttavia, si deve ricordare che il coprifuoco verrà abolito anche in zona gialla, a partire da lunedì 21 giugno.

In zona bianca, poi, decade ogni limitazione relativa agli spostamenti ed è consentita la riapertura delle attività che non avevano ancora potuto beneficiare di un allentamento delle restrizioni.

Riaprono, ancora, anche le discoteche, limitatamente ai servizi di ristorazione e ai bar mentre è ancora vietato ballare in pista.

Nei ristoranti all’aperto, non è prevista alcuna limitazione al numero di persone che potranno accomodarsi ai tavoli mentre, al chiuso, la soglia massima si riconferma pari a sei persone per tavolo.

Infine, si potrà ricominciare a celebrare matrimoni, ai quali sarà possibile partecipare esibendo il green pass.

Italia in zona bianca dal 21 giugno, il calendario

In Italia, le prime Regioni a essere collocate in zona bianca, mostrando un’incidenza pari a meno di 50 casi ogni 100 mila abitanti, sono state il Friuli-Venezia Giulia, il Molise e la Sardegna, a partire dal 31 maggio 2021.

La settimana successiva, è stato il turno di Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto, dal 7 giugno, mentre Emilia-Romagna,Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e la Provincia autonoma di Trento sono state riclassificate in zona bianca dal 14 giugno.

Contents.media
Ultima ora