×
Home > Esteri > Nuovi riconoscimenti diplomatici per la Palestina 08/12/2010 | di Redazione Notizie.it

Nuovi riconoscimenti diplomatici per la Palestina

Dal Mercosur arrivano importanti segnali di apertura verso lo Stato Palestinese. Il primo è stato il Brasile: il 3 dicembre, il Presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha inviato una lettera al governo palestinese per riconoscere lo stato di Palestina, secondo i confini antecedenti al 1967.
Il 6 dicembre l’Argentina dichiara di riconoscere la Palestina come uno “stato libero e indipendente all’interno delle frontiere del 1967 e d’accordo con quello che le parti determineranno nei negoziati”. La presidente, Cristina Kirchner, ha inviato una nota al presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen), seguendo la strategia concordata con i partners del Mercosur Brasile e Uruguay.
Da Montevideo è giunto l’annuncio che anche l’Uruguay potrebbe molto presto prendere la stessa decisione.

Immediata la reazione di Israele: il riconoscimento ufficiale avrebbe provocato tristezza e delusione nel paese e secondo il portavoce del Ministro degli Esteri israeliano Yigal Palmor questo atto renderà più difficile il processo di pace.

Ma Lula e la Kirchner hanno subito replicato: il primo affermando che “la richiesta di un riconoscimento ufficiale è consistente con i principi sostenuti dallo Stato brasiliano che appoggia e avvalla le aspirazioni palestinesi a uno Stato unito, democratico e sicuro sia dal punto di vista economico che militare”. La seconda indicando anche una presa di posizione morale dell’Argentina. Secondo le parole del Ministro degli Esteri argentino, oltretutto, è arrivato il momento di riconoscere la Palestina; questo atto non è che l’ultimo degli sforzi del paese per difendere il diritto del popolo Palestinese di costruire uno stato indipendente, così come il diritto di Israele di vivere in pace con i suoi vicini entro confini sicuri, che siano riconosciuti a livello internazionale.

È ormai consistente il numero di paesi dell’America Latina che riconoscono lo Stato di Palestina: Bolivia, Costa Rica, Cuba, Nicaragua e Venezuela, oltre a Brasile e Argentina.

Un segnale, forse, della volontà degli stati latino americani di assumere un ruolo autonomo e indipendente da Washington sullo scacchiere internazionale.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche