×

Nuovo allarme terrorismo: l’ISIS minaccia il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Nuove minacce di terrorismo per l'Italia. Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio è stato preso di mira dall'ISIS.

Isis minaccia Di Maio

L’Italia trema…. di nuovo. Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio è finito nuovamente sotto attacco da parte dell’ISIS che ha pubblicato sulla rivista la sua foto segnaletica. Accanto ad essa alcuni passaggi a dir poco inquietanti che fanno riferimento alla conquista di Roma.

“Proclameremo il califfo con pallottole e munizioni”, è la presa di posizione dello Stato Islamico. 

Isis minaccia Di Maio, i dettagli inquietanti della foto 

In questa particolare occasione, hanno attirato l’attenzione alcuni elementi contenuti nella foto di Di Maio. La foto nella quale è stato immortalato il Ministro, fa riferimento alla coalizione anti-daesh alla quale ha preso parte lo scorso giugno a Roma. Accanto al Ministro è presente un altro personaggio di spicco del panorama politico internazionale ossia il Segretario di Stato degli USA Antony Blinken. 

Isis minaccia Di Maio, Enrico Letta: “Un grave ed esplicito atto intimidatorio”

Il segretario del PD Enrico Letta – riporta Adnkronos – ha espresso tutta la sua vicinanza al Ministro pentastellato: “A nome mio personale e di tutta la comunità del Partito democratico esprimo solidarietà e preoccupazione per questo ennesimo, grave ed esplicito atto intimidatorio verso Luigi Di Maio […] Le minacce dell’Isis certo non fermeranno l’impegno del Ministro, della Farnesina e di tutto il governo italiano nel contrasto al fondamentalismo e al terrorismo internazionale”.

Isis minaccia Di Maio, Conte: “Chi tocca Luigi tocca ognuno di noi”

Naturalmente è arrivata la solidarietà anche dal capo politico del Movimento Cinque Stelle Giuseppe Conte che in un recente Tweet ha scritto: “Sono vicino a Luigi Di Maio per le nuove, gravissime minacce ricevute dai terroristi Isis. Non ci fanno paura: il suo impegno, al servizio del Paese e della stabilità internazionale, non sarà scalfito da atti intimidatori. Chi tocca Luigi tocca ognuno di noi”. 

Contents.media
Ultima ora