×

Nutella Caffè: apre il primo in tutto il mondo

Il 31 maggio aprirà a Chicago il primo Nutella Caffè del mondo, un locale con cibo e bevande a base di Nutella ma non solo. La crema spalmabile italiana continua a piacere negli USA.

L'esterno del locale

Il Nutella Caffè

La Nutella

Il 31 maggio prossimo sarà un giorno dolcissimo nella purtroppo lontana Chicago, in Illinois, poiché proprio qui aprirà il primo Nutella Caffè del mondo. Avverrà al Millennium Park Plaza, nella parte est della città. Ci saranno crêpe, yogurt, pancake, croissant, muffin, waffle, baguette, french toast, panna cotta, biscotti, gelati e ogni leccornia a base proprio della italianissima Nutella, famosa a livello internazionale – in America dagli Anni Ottanta -.
Come bevande ci saranno per esempio il latte alla Nutella, cioccolata calda, caffè con panna o altre ancora non necessariamente con la crema spalmabile alle nocciole d’Alba (Cuneo) e al cioccolato.

Dolce alla Nutella

Per la prima volta un simile luogo delle delizie non si troverà in un punto vendita Eataly, che appunto commercia prodotti italiani in città come New York oppure nella stessa più grande città dell’Illonois. L’altra caratteristica del Nutella Caffè, sarà che ci saranno anche piatti “Nutella Free”, ovvero senza Nutella, come insalate, zuppe e panini – pietanze salate, insomma –. Il design del locale sarà quello di un grande barattolo di Nutella, ha spiegato Angela Baird, direttrice del settore innovazione dell’azienda. Non possiamo che augurarci a questo punto che la Ferrero apra un locale così anche qui in Italia, dove la Nutella ha avuto origine: ogni iniziativa che la riguardi non è mai inutile, anche se noi abbiamo la Nutella più a portata di mano di quanto avvenga oltreoceano.

Problemi della Nutella in America

Sono dunque superati i problemi che la Nutella ha avuto negli anni scorsi in America? Ci auguriamo di sì.

Ai primi del 2011 una donna statunitense, Athena Hohenberg, madre di una bambina, ha “scoperto” che la crema della Ferrero non era “un cibo salutistico e nutriente, ma piuttosto la cosa più vicina a una barretta di cioccolato” e perciò, con altri genitori, ha denunciato l’azienda piemontese perchè nelle sue pubblicità della Nutella la presenta come un cibo “sano”. La casa produttrice della succulenta crema è stata costretta a versare quasi 3 milioni di dollari di risarcimento. Negli Stati Uniti sappiamo che l’obesità è un vero e proprio problema, che hanno preso a cuore l’ex presidente americano Barack Obama e soprattutto l’ex first-lady Michelle. Ma siamo anche certi che questo stato di cose non dipenda principalmente dalla Nutella – che oltretutto è un cibo dolce, quindi è ovvio che non se ne debba abusare, anche se una pubblicità assicura che è “sana” -.


Contatti:

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche