×

Obbligo vaccinale, Bassetti: “Draghi è un grande premier, sono con lui in questa battaglia”

Il premier in conferenza stampa ha spiegato che si procede verso la terza dose e l'introduzione del vaccino obbligatorio. Bassetti condivide la scelta.

obbligo vaccinale Bassetti

Il premier Mario Draghi si è detto soddisfatto per il ritmo con cui procedono le vaccinazioni anti-Covid in Italia. “La campagna procede spedita, verso la fine di settembre sarà vaccinato l’80% della popolazione, già oggi siamo al 70% completamente vaccinato”, ha detto nel corso della conferenza stampa sulla ripresa dell’attività del Governo.

Poi ha sottolineato: “La campagna vaccinale è stata abbracciata con grande entusiasmo dai giovani, l’adesione massiccia dei giovani e la copertura estesa a livello nazionale ci permette di affrontare con una certa tranquillità e con minore incertezza dell’anno scorso l’apertura delle scuole. La scuola in presenza è sempre stata una priorità”. Alla domanda sull’ipotesi di terza dose e vaccino obbligatorio, Draghi senza dubbi né tentennamenti risponde “sì”, scatterà l’obbligo quando verrà dichiarato da Ema e Aifa non più farmaco emergenziale, ma ordinario.

A commentare con entusiasmo le parole di Draghi sulla possibilità di obbligo vaccinale è l’infettivologo Matteo Bassetti.

Obbligo vaccinale, ipotesi introdotta dal premier Draghi: Bassetti condivide

Intervistato dall’Adnkronos Salute, Matteo Bassetti ha dichiarato: Sono d’accordo con la scelta del premier Draghi e del Governo di partire con la terza dose di vaccini anti-Covid e sull’obbligo vaccinale”.

Quindi ha aggiunto: “Quest’ultima è una scelta forte, ma dimostra che Draghi è la persona giusta, al posto giusto e nel momento giusto.

Soprattutto, ha fatto capire a chi ancora non l’ha capito che si esce dalla pandemia con i vaccini“.

Obbligo vaccinale, Draghi riceve i complimenti di Bassetti

Condividendo la scelta espressa da Draghi, Matteo Bassetti si è poi complimentato: “È un grande premier, sono con lui in questa battaglia”.

Proprio a chi, come l’infettivologo genovese, ha subito minacce da parte dei cosiddetti novax, il premier Draghi ha espresso massima vicinanza, commentando in conferenza stampa: “Voglio esprimere solidarietà piena a tutti coloro che sono stati oggetto di violenza da parte dei no vax, una violenza particolarmente odiosa e vigliacca quando fatta nei confronti di chi fa formazione e di chi è in prima linea a combattere la pandemia”.

Obbligo vaccinale e terza dose, le parole di Bassetti

Il famoso medico dell’ospedale San Martino di Genova ha espresso pieno appoggio alle scelte del Governo. Sulla questione tanto dibattuta della terza dose, contrastata da Galli e dall’Oms, Bassetti era già intervenuto a inizio estate, sottolineandone la necessità.

Per Bassetti somministrare la terza dose a partire da fine anno potrebbe essere “troppo tardi” per alcuni. Quindi ha sottolineato: “Forse vale la pena, per i fragili e gli immunodepressi, pensare ad iniziare con il richiamo anche prima”.

Contents.media
Ultima ora