×

Obbligo vaccino per gli insegnanti, Galli contrario: “Valutare l’idoneità di servizio”

Galli dice no all'obbligo di vaccino per gli insegnanti, mentre invita a valutare l'ipotesi di controllare chi ha sviluppato gli anticorpi.

Galli obbligo vaccino insegnanti

Il primario del reparto di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, il professor Massimo Galli, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’Adkronos Salute nelle quali ha sottolineato la sua contrarietà all’obbligo vaccinale per gli insegnanti, che potrebbe addirittura a suo dire diventare un’attività controproducente.

Galli: “No obbligo vaccino per gli insegnanti”

“Credo che in questo momento – ha detto Galli – parlare di obbligo vaccinale per gli insegnanti non sia neanche tanto producente. Casomai si potrebbe decidere di valutare l’idoneità o meno al servizio se le persone non sono vaccinate. Attenzione dunque a considerare l’obbligo come l’unica via, in quanto questo potrebbe portare a degli scontri più ampi rispetto all’effettiva esigenza.

Inoltre per il primario del Sacco di Milano sarebbe necessario valutare anche “lo stato immunitario degli insegnanti, analizzando la presenza di anticorpi”.

Galli sull’obbligo di vaccino agli insegnanti

Più che la semplice inoculazione per Galli si dovrebbe ora avviare un processo di screening volto ad evidenziare chi ha risposto nel modo corretto ai vaccini, ovvero sviluppando anticorpi. “Ci sono vaccinati – ha precisato il primario del Sacco di Milano – che non hanno anticorpi e non vaccinati che ce l’hanno e non hanno bisogno di vaccinare.

Si può valutare lo stato immunitario di queste persone, che sono tante, ma non tantissime. Ed è una cosa possibile da fare, se la si vuole fare”. Nulla di impossibile dunque, ma anzi un’attività necessaria ed utile per la protezione di tutti. “Ci possono essere persone – ha aggiunto Galli – che hanno rischi maggiori degli altri, che si sono vaccinati e hanno risposto non adeguatamente, e probabilmente dovrebbero essere riassegnati rispetto a determinati compiti”.

Obbligo di vaccino agli insegnanti, il parere di Galli

Nel corso della sua intervista, il professor Galli ha avuto modo di parlare anche delle discoteche, una delle poche attività che al momento non ha ancora una data di riaperura. Sul tema l’esperto ha detto: “Potrebbero essere anche riaperte, se si applicassero una serie di norme di sicurezza, sul serio e verificandone l’applicazione”. Il riferimento in tal senso è ai tamponi e alle vaccinazioni, al fine di “consentire l’ingresso di persone libere da Covid”. “Se tutto questo venisse applicato – ha precisato il primario del Sacco di Milano – il problema delle discoteche sarebbe affrontabile“.

Contents.media
Ultima ora