Orecchio ovattato: cause e rimedi naturali
Orecchio ovattato: cause e rimedi naturali
Salute & Benessere

Orecchio ovattato: cause e rimedi naturali

Come pulire le orecchie in profondità senza cotton fioc
Come pulire le orecchie

L'orecchio ovattato può dipendere da cause diverse e scatenare sintomi specifici, che analizziamo insieme. Scopriamo il rimedio naturale per guarire.

L’orecchio ovattato, termine scientificamente noto anche con i termini di “barotrauma” e “pressione auricolare”, è una condizione tendenzialmente temporanea. Tuttavia, se questa persiste nel tempo, potrebbe rivelarsi patologica. Nei paragrafi che seguono, scopriamo insieme le cause e i sintomi comuni dell’orecchio ovattato e i rimedi naturali per trovare sollievo.

Orecchio ovattato

Nota comunemente con il termine di “orecchio ovattato“, la pressione auricolare si verifica prevalentemente quando si registra un cambiamento tra la pressione interna e quella esterna all’orecchio ma, se la condizione dovesse persistere e prolungarsi nel tempo, è il caso di eseguire dei controlli specifici al fine di escludere dei danni, sia all’orecchio che in generale.

Il barotrauma, altro termine medico che indica il fenomeno, può dipendere da cause molteplici ed è importante saper distinguere la condizione permanente da quella temporanea al fine di valutare la salute complessiva del proprio organismo. Nei paragrafi che seguono, scopriremo insieme le cause comuni e i sintomi tipici dell’orecchio ovattato, così come pure analizzeremo i benefici che il rimedio naturale può apportare al paziente.

Orecchio ovattato: il miglior rimedio naturale

L’orecchio ovattato come l’acufene e il tinnito, può dipendere da cause molteplici e manifestarsi secondo sintomi differenti.

A prescindere che la sua condizione sia temporanea o permanente, è possibile trovare un sollievo dal disagio grazie a OtoBio, gocce di olio naturale e biologico, i cui ingredienti sono stati estratti dagli ambienti incontaminati localizzati su tutto il territorio italiano. Progettato e sviluppato per offrire all’utente un sollievo dai sintomi che l’orecchio ovattato provoca, il suo è un uso versatile per i benefici che garantisce e che andremo a scoprire insieme nel corso dei paragrafi che seguono.

Contrariamente alla maggior parte delle soluzioni presenti in commercio da tempo, OtoBio si distingue per i benefici riscontrati e per l’azione sinergica dei principi attivi che lo compongono e che, nello specifico, risultano essere:

  • l’Olio di Mandorle Dolci che, selezionato per la sua potente azione antiossidante, favorisce la rigenerazione e riparazione cellulare;
  • l’Olio di Argan, selezionato per gli stessi effetti che garantisce l’Olio di Mandorle Dolci, così che la sua presenza possa amplificarne gli effetti;
  • L’Estratto di Foglie di Salvia e l’Estratto di Gardenia, due ingredienti che non possono assolutamente essere separati e che, insieme, provvedo a riparare i danni a carico dell’apparato uditivo.

Ai fini di un risultato ottimale, si consiglia di applicare regolarmente OtoBio. Il prodotto, venduto in un pratico flaconcino da 15 ml, va agitato prima dell’uso. In seguito, sarà necessario piegare la testa leggermente di lato, lasciar cadere all’interno dell’orecchio danneggiato qualche goccia di prodotto dall’erogatore presente all’interno del flaconcino e dare ad esso la possibilità di agire per qualche minuto.

Per chi fosse interessato a saperne di più, può cliccare qui o sulla seguente immagine OTOBIO.

OtoBio sono gocce di olio biologico e naturale, al 100% Made in Italy, che si preoccupano di pulire e lubrificare il canale uditivo, così da migliorare l’udito riparando le cellule danneggiate e attenuando i sintomi che l’utente avverte, restituendogli, con il passare del tempo, un senso di benessere generale su tutto l’organismo.

OtoBio, essendo un prodotto esclusivo non si acquista dalla farmacia o la parafarmacia, non si acquista online sui siti casuali o presso i grossi centri commerciali, ma rigorosamente attraverso il sito ufficiale della casa di produzione del prodotto, online, raggiungibile dal link che vi segnaliamo. Compilate il modulo di acquisto e un operatore vi contatterà per confermare i dati della vostra spedizione e provvedere all’evasione dell’ordine Infine, per quanto riguarda il pagamento, potrete scegliere di pagare in contrassegno, ovvero, in contanti direttamente al corriere, al momento della consegna dell’ordine.

Orecchio ovattato: cause

La pressione auricolare si verifica quando si registra un cambiamento della pressione tra la parte interna e quella esterna dell’orecchio. Tale cambiamento può provocare sintomi temporanei, come quelli che l’utente avverte, ad esempio, quando va in montagna, nella fase di atterraggio di un aereo o quando va sott’acqua. Affinché tali sintomi scompaiano del tutto sarà sufficiente masticare un chewing-gum, sbadigliare o deglutire. Tuttavia, la pressione auricolare può dipendere anche da cause severe e manifestarsi con sintomi più preoccupanti.

Quelle che seguono sono le cause comuni di orecchio ovattato:

  • tappo di cerume, una condizione che può essere anche la conseguenza di un comportamento errato da parte dell’utente. Se da un lato, la presenza di una dose minima di cerume nell’orecchio è essenziale per tutelarlo dagli attacchi e le aggressioni da parte dell’ambiente esterno, dall’altro, una quantità eccessiva sortirebbe gli effetti opposti, provocando persino una perdita temporanea dell’udito.
  • Disfunzione all’articolazione temporo-mandibolare e fenomeni correlati. La condizione, che se non trattata tempestivamente potrebbe aggravarsi anche nel tempo, può manifestarsi con sintomi specifici, quali sensazione di vertigine, mal di testa, acufeni e la già citata sensazione di orecchio ovattato.
  • Patologie ai danni dell’orecchio medio e della Tuba di Eustachio. In ciascun orecchio vi è una tuba che collega l’orecchio stesso al naso e alla gola e che ha il compito di regolare la pressione tra la parte interna e quella esterna dell’orecchio. Quando la tuba si blocca, il barotrauma è la conseguenza più comune. Il fenomeno può verificarsi per un breve periodo di tempo, ad esempio, quando si va sott’acqua, nella fase di atterraggio dell’aereo o quando si va in montagna, guarendo spontaneamente, oppure protrarsi quando dipende da un malfunzionamento della Tuba di Eustachio. In questo caso, la condizione richiede interventi specifici poiché non può guarire spontaneamente.

La pressione auricolare provoca sintomi specifici che possono essere:

  • vertigini
  • disagio generale all’orecchio
  • difficoltà o perdita temporanea dell’udito
  • sensazione di orecchio ovattato

In caso di complicanze, il paziente può avvertire:

  • dolore all’orecchio
  • sanguinamento dal naso
  • perdita dell’udito moderata o severa
  • danni al timpano
  • sensazione di essere perennemente sott’acqua.
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche