×

Omicidio Chieti: Filippone, l’ipotesi del selfie sul balcone

Condividi su Facebook

Fausto Filippone potrebbe aver ucciso anche la moglie Marina gettandola dal balcone della loro casa a Chieti.

Fausto Filippone avrebbe ucciso la moglie gettandola dal balcone della loro abitazione a Chieti Scalo. Questa è una delle ipotesi che gli inquirenti stanno vagliando nelle indagini sulla tragica vicenda di Francavilla. L’uomo avrebbe attirato la moglie, Marina Angrilli, sul balcone della casa con la scusa di un selfie e da lì l’avrebbe fatta cadere, causandone la morte.

Filippone: l’ipotesi del selfie

Proseguono le indagini sulla tragica vicenda di Fausto Filippone e della sua famiglia. Le forze dell’ordine non hanno ancora rilasciato alcuna dichiarazione definitiva riguardo l’accaduto, ma in queste ore si susseguono le ipotesi circa la morte della moglie di Filippone e del motivo che ha spinto l’uomo a compiere l’omicidio-suicidio.

Si indaga in particolare sul decesso di Marina Angrilli, moglie di Filippone.

La donna è stata trovata morta nel giardino della loro casa a Chieti Scalo. L’appartamento non era l’abituale residenza della famiglia: veniva generalmente affittato dalla coppia agli studenti universitari. Secondo alcune ipotesi, Filippone avrebbe proposto alla moglie di uscire di casa per andare a comprare una lavatrice. Marina avrebbe accettato e avrebbe seguito il marito dopo aver lasciato la figlia Ludovica dagli zii.

Il selfie fatale

Prima di recarsi in negozio, la coppia sarebbe passata proprio dall’appartamento di Chieti Scalo, in piazza Roccarso.

Lì Fausto avrebbe proposto a Marina di fare un selfie sul balcone. Un pretesto, secondo alcuni, per un omicidio premeditato. Sul balcone è infatti stata ritrovata una scaletta, in un punto compatibile con la caduta della donna. Filippone quindi l’avrebbe fatta salire sulla scaletta e poi spinta giù. A quel punto l’uomo avrebbe chiamato i soccorsi per poi recarsi a recuperare la figlia Ludovica dai parenti.

L’omicidio-suicidio

Dopo aver preso con sé la figlia, di appena 10 anni, Fausto Filippone ha raggiunto il viadotto dell’A14 da cui ha gettato la bambina, uccidendola sul colpo. Per sette ore le forze dell’ordine e i parenti di Fausto hanno cercato di convincerlo a scendere dal viadotto, ma senza riuscirci: l’uomo si è tolto la vita gettandosi sullo stesso tratto di autostrada sui cui è morta la figlia.

Gli inquirenti stanno ancora indagando sulle cause che hanno portato Fausto Filippone a uccidere la figlia, e forse anche la moglie, e a gettarsi dal viadotto, in un drammatico omicidio-suicidio.

Francesco Angrilli, fratello di Marina, chiede che venga rispettata la memoria della sorella e della sua famiglia. Nega tutte le ipotesi di un omicidio con movente passionale: “Mia sorella era una madre, moglie e insegnante irreprensibile, da prendere come esempio. Certe notizie sono inaccettabili”.

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Lisa Pendezza

Nata in provincia di Monza e Brianza, classe 1994, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.