> > Omicidio dei Murazzi, condannato a 30 anni di carcere il killer di Stefano Leo

Omicidio dei Murazzi, condannato a 30 anni di carcere il killer di Stefano Leo

killer stefano leo

Omicidio di Stefano Leo: confermata la sentenza che condanna Said Mechaquat. Il killer sconterà 30 anni di reclusione in carcere.

La Corte d’Assise d’Appello di Torino ha confermato la sentenza di primo grado condannando a 30 anni di carcere Said Mechaquat, l’uomo che il 23 febbraio del 2019 uccide con una coltellata alla gola Stefano Leo.

Omicidio di Stefano Leo: le dinamiche della morte

Il caso risale a quasi tre anni fa, quando – il 23 febbraio 2019Said Mechaquat uccise il 34enne Stefano Leo con una coltellata alla gola. Stefano era un ragazzo di Torino che lavorava come commesso in un negozio di abbigliamento, e non aveva mai avuto alcun rapporto con il killer.

Said si era appostato in un vialetto del Lungo Po per aggredire Stefano: il giovane stava andando al lavoro, quando venne ucciso senza motivo con una coltellata alla gola.

Un mese dopo l’assassino si costituì ai carabinieri dando questo assurdo movente: «Volevo farla pagare alla città di Torino. L’ho ucciso perché era giovane e felice».

Omicidio di Stefano Leo: la sentenza definitiva

Oggi – mercoledì 27 ottobre 2021 – è stata emessa la sentenza dalla corte d’Assise d’appello di Torino, la quale conferma il verdetto di primo grado e la condanna a 30 anni di reclusione.

L’imputato aveva chiesto l’esecuzione di una nuova perizia psichiatrica al fine di vedersi riconosciuto almeno un parziale vizio di mente, ma i giudici non hanno ravvisato la necessità di procedere a una nuovo esame in questo senso. 

Omicidio di Stefano Leo: la ricostruzione della Procura generale

Giancarlo Avenati Bassi, procuratore generale, ha definito il gesto del killer Said Mechaquat come un atto di «terrorismo privato», e l’omicidio di Stefano sarebbe in parte figlio di un prolungato stalking alla ex fidanzata che lo aveva lasciato. Con quell’assassinio – secondo l’accusa – voleva terrorizzarla.

Uscendo dall’aula si è lasciata ad un commento anche la madre di Stefano, che ha finalmente visto giustizia per il figlio che le è stato strappato: «È la risposta alla domanda di giustizia che avevamo avanzato.

Resta l’immenso dolore».