Due operai morti per incidente sul lavoro a Treviglio
Due operai morti per incidente sul lavoro a Treviglio
Cronaca

Due operai morti per incidente sul lavoro a Treviglio

operai morti treviglio
operai morti treviglio

Incidente sul lavoro stamattina a Treviglio, nel bergamasco. Morti due operai.

Due operai sono morti sul posto di lavoro questa mattina intorno alle 10 a Treviglio nel bergamasco, per via di un’esplosione verificatasi in un’azienda di mangimi. Sono ancora al lavoro le squadre di soccorso e dei vigili del fuoco. L’area dove si è verificato l’incidente è stata interdetta per ragioni di sicurezza.

L’incidente

L’azienda coinvolta nell’incidente è la Ebc Company, in via Caldenzano a Treviglio. Dai primi riscontri, un’autoclave è esplosa. L’apparecchio è usato per le operazioni di bollitura ed essiccazione di materiale organico (farine alimentari) destinato poi a essere usato per produrre mangime per allevamento. I due operai, di circa 50 anni, che hanno perso la vita pare fossero impegnati, al momento dell’esplosione, nella lavorazione di ossa di pollo. Il bilancio delle vittime al momento rimane provvisorio, nonostante non si abbia notizia di altre persone coinvolte nell’incidente. La strada dove è situata l’azienda rimane al momento chiusa al traffico e le autovetture sono deviate su vie limitrofe.

Sono ancora al lavoro nell’area i carabinieri della stazione di Treviglio, il personale del 118 e una decina di vigili del fuoco del distaccamento di Treviglio e Dalmine. I pompieri stanno provvedendo a raffreddare l’impianto e tutta la zona interessata, in modo da poter operare in condizioni di sicurezza. L’aria inoltre è satura di anidride carbonica; per questa ragione, l’area è interdetta alle autorità e agli altri soccorritori. Solo i vigili del fuoco sono autorizzati a entrare nell’impianto, a causa della notevole presenza del gas.

Le prime reazioni di cordoglio

Sono giunti sul posto il comandante della polizia locale Antonio Nocera, il sindaco di Treviglio Juri Imeri, il consigliere comunale con delega alla Protezione Civile Marco Ghiggini e il commissario di polizia Angelo Lino Murtas. Poco fa, intorno alle 13, si è presentato anche il Pm Fabio Pelosi. Anche i parenti delle persone che oggi hanno lavorato alla Ebc, azienda storica della cittadina, si sono recate sul luogo dell’incidente.

L’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha invitato i fedeli presenti alla Messa di Pasqua nel Duomo cittadino a “pregare per i morti sul lavoro a Treviglio, nella tragedia avvenuta proprio nel giorno di Pasqua”. Vi sono state anche alcune reazioni da parte del mondo politico. Roberto Calderoli ha espresso in una nota il suo “dolore per i due operai morti oggi nell’esplosione in un’azienda a Treviglio”. Rivolgendo “una preghiera per le loro famiglie”, il senatore della Lega ha aggiunto che “non si può morire sul posto di lavoro, non lo possiamo accettare”. Anche Renata Polverini di Forza Italia ha voluto rilasciare una breve dichiarazione: “Ennesima tragedia sul lavoro anche nel giorno di Pasqua. Vicinanza al dolore delle famiglie”. Solo pochi giorni fa, a Livorno, un incidente simile avvenuto in un serbatoio del porto ha provocato la morte di due operai.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche