Operazione Infinito, la malavita infiltrata al Pirellone - Notizie.it
Operazione Infinito, la malavita infiltrata al Pirellone
Palermo

Operazione Infinito, la malavita infiltrata al Pirellone

La mafia al nord non esiste. A dirlo, i maggiori esponenti leghisti che non più tardi di un anno fa guardavano con fastidio al paragone con un sud omertoso. Poi l’inchiesta di Gianlugi Nuzzi, la denuncia di Roberto Saviano a Vieni via con me e la scoperta di un summit mafioso a Paderno Dugnano scoperchia un fenomeno nascosto con vergogna. L’omertà e la connivenza che la malavita organizzata può vantare nel cuore produttivo nel paese è ancora più forte di quella che per anni ha legato il Meridione ad un triste destino. Gli imprenditori non denunciano, anzi, pagano volentieri le ‘ndrine che gli permettono di avere un vantaggio sulla concorrenza. safNon solo. Anche la classe politica rimane affascinata dal potere della ‘ndrangheta. Oggi è finito in manette il vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia, Franco Nicoli Cristiani.saf I reati contestati sono traffico organizzato di rifiuti illeciti e corruzione. Sequestrati la cava di Cappella Cantone (Cremona) destinata a una discarica di amianto, un impianto per il trattamento di rifiuti a Calcinate (Bergamo) e due cantieri della Brebemi a Cassano d’Adda (Milano) e Fara Olivana Con Sola (Bergamo). L’operazione ha impegnato 150 uomini dell’Arma.

In carcere anche il coordinatore degli staff dell’Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) della Lombardia.
Se le accuse saranno confermate, Cristiani dovrà spiegare per conto di chi ha versato una tangente di ben 100 mila euro al direttore dell’Arpa lombarda per ammorbidire i controlli ambientali su una cava nel cremonese. Una cava piena di amianto, costoso da smaltire e cancerogeno. Questa inchiesta è legata a quella che ha portato in carcere il magistrato Vincenzo Giglio, presidente anche di Corte d’Assise, esponente di spicco della corrente di sinistra di «Magistratura democratica», docente di diritto penale alla Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università statale Mediterranea di Reggio Calabria. Una trama che si dipana e che coinvolge la Calabria ma passa anche per Roma. Giuseppe Morelli, consigliere calabrese finito in manette stamani, è stato molto vicino al sindaco di Roma Gianni Alemmano durante la campagna elettorale per l’elezione del sindaco di Roma.

Un’inchiesta complessa che potrebbe rivelare l’oscura trama della ‘ndrangheta lungo tutta l’Italia.

© Riproduzione riservata

3 Commenti su Operazione Infinito, la malavita infiltrata al Pirellone

  1. Un'inchiesta che attraversa il paese e getta luce tra le potenti connessioni tra 'ndrangheta, politica e mondo economico, in un nord più omertoso della Sicilia degli anni 60

  2. Le mafie si insinuano in territori dove girano molti soldi, appalti e altro, di certo gli affari più importanti li fanno al nord dove l'economia è più redditizia.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Francesco Quartararo 665 Articoli
Dottore in Giornalismo per uffici stampa, blogger dal 2005, a breve giornalista pubblicista, si interessa di tutto. Ma anche di più. Lo trovate sempre in giro per Palermo.