Orecchioni adulti: sintomi e cosa fare
Orecchioni adulti: sintomi e cosa fare
Salute

Orecchioni adulti: sintomi e cosa fare

Orecchioni adulti: sintomi e cosa fare
Orecchioni adulti: sintomi e cosa fare

Orecchioni: una malattia comune prima dell’introduzione del vaccino(1967), colpisce in modo più grave gli adulti. Sintomi e terapie

Malattia infettiva virale, colpisce per lo più i bambini(5-14anni). Orecchioni, per indicare l’effetto principale sul viso, ossia la tumefazione delle ghiandole salivari e il loro ingrossamento. Un fenomeno, altrimenti detto “parotite“, che si trasmette da un individuo all’altro in situazioni di tosse, starnuti o risate. Per la precisione, la fonte di contagio è contenuta nelle particelle di saliva e nelle mucose del naso del malato: il contatto avviene nel momento della loro diffusione nell’aria. Il contagio può essere anche diretto(ad es., l’uso dei vestiti del malato). Negli ultimi decenni, è aumentato in percentuale numerica sugli adulti, su cui gli effetti possono essere anche gravi.

Orecchioni: sintomi sugli adulti

Il sintomo immediatamente visibile degli orecchioni è il rigonfiamento delle ghiandole parotidi. La sensazione che dà sul corpo del malato è, prima di tutto, di dolore: nel momento della masticazione e della deglutizione.

A cui seguono mal di testa e febbre(fino a 39.4 C°), oltre che un forte stato di indisposizione generale. Sintomi che si avvertono con un anticipo di 24 ore sulla comparsa del rigonfiamento. Nello specifico, sul genere maschile, l’insorgere della parotite può portare a gravi complicanze. Nel 20-30% dei soggetti che hanno superato la pubertà, infatti, questo virus può trasformarsi in orchite(rigonfiamento di uno o di entrambi i testicoli) e portare alla sterilità. Se trasmesso alla donna mei primi 3 mesi di gravidanza, può causare aborto spontaneo(25%).

Orecchioni: diagnosi e terapie

In caso di parotite, è il medico a fornire la giusta diagnosi attraverso esami che vanno a identificare nel sangue gli anticorpi per combattere il virus. Nello specifico, la terapia coincide con l’assunzione di analgesici contro il dolore e di antipiretici per la febbre. Il modo più indicato per la cura è comunque il vaccino, ma non va bene per tutti.

Ad es., non è adatto in soggetti con deficit immunitario, o in terapia immunosoppressiva ed è da evitare per le donne in gravidanza o individui con reazioni allergiche a questo tipo di vaccino. Il superamento della malattia, assicura l’immunizzazione definitiva dal virus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

AMAZON - KINDLE Amazon Kindle Paperwhite 3g Ereader 6" Touch Screen Wi-Fi Bianco Lettore E-Book 0841667100449 B017dovmgg 10_0q10417
485.99 €
Krups NESPRESSO INISSIA RED ( Garanzia Italia) cod: XN1005K
74.97 €
Panasonic Mj-L500 Estrattore Di Succo Nero, Rosso 5025232846955 Mj-L500rxe Tp2_mj-L500rxe
454.99 €
Huawei P10 Lite 32GB 3GB Ram Blue
215 €