×

Orribili sospetti sul cadavere ritrovato nel Po, potrebbe essere di Samira El Attar

Orribili sospetti sul cadavere ritrovato nel Po, potrebbe essere di Samira o Isabella, le sole due vittime introvabili in Veneto negli ultimi sei anni

Samira El Attar, scomparsa nel 2019

Orribili sospetti aleggiano sul cadavere femminile ritrovato nel Po nella giornata del 4 aprile, potrebbe essere quello di Samira El Attar o di Isabella Noventa. Ma su quel corpo fatto a pezzi e messo in un borsone per adesso gli inquirenti non hanno elementi se non l’orrore del ritrovamento.

Il cadavere era emerso con la secca del fiume più o meno all’altezza del Parco di viale dei Nati, a Santa Maria Maddalena di Occhiobello, in provincia di Rovigo. 

Il mistero del cadavere ritrovato nel Po 

I carabinieri di Occhiobello e Castelmassa e le aliquote della Scientifica giunte da Venezia si sono messi immediatamente al lavoro. Gli elementi sono pochi, ma quei pochi che ci sono mettono la pista dell’omicidio nella “pole” delle vie procedurali su cui la procura rodigina sta operando.

A notare la sacca un operaio che aveva allertato il numero delle emergenze 112. Quei resti sarebbero in pessime condizioni a causa della permanenza prolungata in acqua, macerati ed in parte saponificati e gli elementi di individuazione anagrafica sono solo affidati ad analisi forensi approfondite disposte dal magistrato di turno Andrea Bigiarini

Le ipotesi che per ora restano tali

Ma di chi potrebbero essere quei resti? Non si fanno ipotesi, ma il dato empirico è che le sole due donne scomparse in Veneto nel range degli ultimi sei anni e i cui corpi non sono mai stati ritrovati malgrado la “certtificazione” della loro uccisione sono state Isabella Noventa nel 2016 e Samira El Attar nel 2019.

Contents.media
Ultima ora