Pamela: il penalista, “Oseghale potrebbe essere scarcerato”
Cronaca

Pamela: il penalista, “Oseghale potrebbe essere scarcerato”

pamela mastropietro

Nuovi sviluppi sul drammatico caso di pamela Mastropietro. Oseghale potrebbe venir scarcerato in quanto non più accusato di omicidio

I recenti sviluppi sul grave caso della morte di Pamela Mastropietro potrebbero creare scenari sul quale molto si discuterà. Infatti, secondo il penalista Michele Andreano, Innocent Oseghale, il nigeriano 29enne inizialmento accusato dell’omicidio, potrebbe venir presto scarcerato. A sostenere questa tesi, il fatto che non si sarebbe trattato di assassinio. Infatti, la povera Pamela Mastropietro sarebbe morta di overdose. Tuttavia, da omicidio, si passa all’accusa di occultamento e vilipendio di cadavere per Innocent Oseghale.

Pamela Mastropietro Oseghale scarcerato

Tutti sono innocenti fino a prova contraria, anche Innocent Oseghale. Anche per questo il nigeriano potrebbe venir scarcerato. L’ipotesi che la povera Pamela Mastropietro sia stata uccisa da un altro essere umano sta diventando sempre più remota. Non ci sarebbero prove schiaccianti per inchiodare Innocent Oseghale su questo punto. Solo i risultati definitivi delle analisi tossicologiche effettuate sul cadavere di Pamela Mastropietro potrebbero ribaltare la situazione. Ma, almeno fino a quel momento, la ragazza è stata uccisa da un’overdose.

Pamela Mastropietro soffriva di gravi problemi di droga, ed era fuggita dalla comunità dove era in cura. A confermare ciò, è stato il penalista Michele Andreano, che ha aggiunto, appunto, che il nigeriano 29enne potrebbe venir scarcerato. Tuttavia, l’imputato non ha attualmente un domicilio al momento idoneo. Infatti, il suo appartamento è stato perquisito più volte, e vi sono già stati trovati elementi importanti per le indagini, come i vestiti insanguinati della ragazza morta. Pertanto la scarcerazione, nell’immediato, non può essere effettuata. Ma appena ci sarà la possibilità, il ngeriano, con ogni probabilità, verrà scarcerato.
Ma i problemi di Innocent Oseghale non finiscono certo qua. Sembra aver scampato l’accusa di omicidio, ma rimane indagato per occultamento (massimo 3 anni di pena) e vilipendio (pena prevista dai 3 ai 6 anni) del cadavere di Pamela Mastropietro.

pamela mastropietro

Fiaccolata Macerata

Nel frattempo, continua a farsi sentire Alessandra Verni, la povera madre della povera Pamela Mastropietro.
La donna ha partecipato, assieme al fratello Marco Valerio Verni ed al padre della ragazza, alla fiaccolata che si è tenuta a Macerata in onore di Pamela Mastropietro. Alessandra Verni ha parlato di una morte brutale, che poteva essere evitata. Nell’immediato, la madre aveva anche criticato, giustamente, la struttura presso la quale la ragazza era in cura. Se Pamela è fuggita quella notte, è anche perché ha potuto farlo.
Alessandra Verni ha poi comunicato che ha l’intenzione di fondare un’associazione no-profit a livello nazionale. Questa dovrebbe occuparsi di giovani in difficoltà, come Pamela, con l’aiuto di psicologi e di volontari, e con la collaborazione della ong L’esistenza ora che ha organizzato la fiaccolata. Alessandra verni ha dichiarato di averne già parlato col primo cittadino di Roma Virginia Raggi.

Nonostante il dolore, la donna non si lascia prendere dall’odio, e cerca di essere positiva.

Un atteggiamento che dovrebbe essere di esempio per tutti. Dopo il grave attentato fascista di Luca Traini, Alessandra Verni ha preso le distanze da quel vergognoso ed ingiustificabile fatto, e ha chiesto che la sua terribile tragedia non venga strumentalizzata.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche