Papa Francesco: il sesso non è un tabù se unito all’amore
Cronaca

Papa Francesco: il sesso non è un tabù se unito all’amore

Papa Francesco

Papa Francesco risponde alle domande di alcuni giovani francesi e spiega di stare lontani dalla sessualità "cosificata" perché è un peccato.

Papa Francesco incontra una ventina di giovani prevenienti dalle diocesi di Grenoble-Vienne (Francia). Tra le domande, anche una sui problemi dell’amore e della sessualità. Bergoglio esorta quindi a “non usare la sessualità fuori dalla strada dell’amore tra uomo e donna”.

Papa: sesso è amore appassionato

“La sessualità, il sesso, è un dono di Dio. Niente tabù. È un dono di Dio, un dono che il Signore ci dà. Ha due scopi: amarsi e generare vita. È una passione, è l’amore appassionato e ti porta a dare la vita per sempre. E a darla con il corpo e l’anima” spiega Papa Francesco rispondendo alla domanda di Thérèse, 24 anni. Bergoglio infatti ha ricevuto ieri in udienza alcuni giovani della diocesi francese di Grenoble-Vienne.

Il Pontefice spiega: “Quando Dio ha creato l’uomo e la donna, la Bibbia dice che tutt’e due sono immagine e somiglianza di Dio. Tutti e due, non solo Adamo o solo Eva, ma tutt’e due – ensemble – tutt’e due”.

“E Gesù va oltre, e dice: per questo l’uomo, e anche la donna, lascerà suo padre e sua madre e si uniranno e saranno Una sola carne: questa è la grandezza della sessualità. E si deve parlare della sessualità così” aggiunge.

Papa Francesco ammette però che nel corso della vita “le nostre cadute spirituali, le nostre debolezze ci portano ad usare la sessualità fuori dalla strada dell’amore tra uomo e donna” per “alimentare l’industria della sessualità staccata dall’amore, della pornografia, del sesso facile”. “Ma sono cadute, come tutti i peccati. La bugia, l’ira, la gola… Sono peccati: peccati capitali” chiarisce. “Ma questa non è la sessualità dell’amore: è la sessualità ‘cosificata’, staccata dall’amore e usata per divertimento” precisa quindi.

“È interessante – osserva quindi – come la sessualità sia il punto più bello della creazione, nel senso che l’uomo e la donna sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio, e la sessualità è la più attaccata dalla mondanità, dallo spirito del male”.

Poi rivolge una domanda ai giovani presenti: “Dimmi: tu hai visto, per esempio – non so se a Grenoble c’è – ma tu hai visto una industria della bugia, per esempio? No.

Ma un’industria della sessualità staccata dall’amore, l’hai vista? Sì!”. “Tanti soldi si guadagnano con l’industria della pornografia, per esempio. E’ una degenerazione rispetto al livello dove Dio l’ha posta. E con questo commercio si fanno tanti soldi” conclude.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Paola Marras
Di origine sarda ma nata e cresciuta a Roma. Dopo la maturità classica ho studiato "Scienze politiche" all'Università La Sapienza. Scrivo quotidianamente sul web per testate e blog dal 2006, giornalista dal 2009. Mi sono sempre occupata di servizi di approfondimento e d'inchiesta, alcuni scelti come fonte di Wikipedia, di libri e testi universitari mentre altri sono stati tradotti all'estero. Autrice anche di qualche scoop. Dal 2018 lavoro a tempo pieno per Notizie.it. Progettista Web e "Tecnico Superiore per la Comunicazione e il Multimedia", ho una profonda conoscenza del mondo internet e per questo non sono sui social.
Contatti: Mail