×

Pasquetta: come utilizzare gli avanzi di Pasqua

default featured image 3 1200x900 768x576

 

Cosa cucinare a Pasquetta con gli avanzi dei piatti pasquali, spesso abbondanti. Da buoni risotti a gustose salse di cioccolata.

È praticamente appena finito il Natale e stiamo già pensando a cosa mangeremo a Pasqua, anzi, ancora più in là: a cosa mangeremo a Pasquetta con gli avanzi di Pasqua!.

Ah, noi gente di buona forchetta!. Per capire come poter sfruttare gli avanzi di Pasqua dovremmo prima scoprire che cosa, in generale, offrono le cucine in quel periodo. È chiaro, comunque, in Paese come l’Italia che ha le sue varietà regionali e sub-regionali, che ogni luogo avrà le sue tradizioni, per questo è abbastanza difficile abbracciare ricette che valgano per tutti.

Ad ogni modo la tipica pietanza pasquale è l’agnello al forno, il quale può essere mangiato il giorno dopo senza apportargli necessariamente delle modifiche, o magari macinandolo e facendone delle gustose polpette, aggiungendo un po’ di formaggio e del prezzemolo fresco e poi friggendo le palline formate, legando con qualche uovo e pan grattato.

Altro cibo della tradizione sono le uova sode e il brodo. Le uova sode si potranno mangiare in insalata o preparando delle gustose tartine con l’uovo sodo tagliato a lamelle, il prosciutto cotto, dei funghetti sotto aceto e un po’ di maionese per guarnire. Per il brodo, altro elemento principale delle tavole pasquali, mi sembrerebbe una buona idea ben conservarlo e prepararci un risotto il giorno dopo, al gusto che più si preferisce, magari di verdure, considerando la quantità di cibo ingerita il giorno prima.

Con le uova di cioccolato, invece, perché se ci sono bambini in famiglia è quasi certo che sarete sommersi dalla cioccolata nei giorno dopo Pasqua, potrete fare della “salsa” di cioccolata; basterà mettere a bagnomaria i pezzi di cioccolata tritati e aggiungere un po’ di panna fresca da montare e avrete una salsa da colare golosamente su frutta o nelle crepes.

Contents.media
Ultima ora