×

Patrick Zaki dà il primo esame a distanza all’università di Bologna

Il primo febbraio tornerà ad essere imputato ma intanto da uomo libero Patrick Zaki ha dato il primo esame a distanza all’università di Bologna

Patrick Zaki

La bellezza della normalità è la bellezza di aver saputo che Patrick Zaki ha dato il primo esame a distanza all’università di Bologna: il ricercatore egiziano reduce da una lunga detenzione preventiva nel suo paese torna studente attivo dopo la sua scarcerazione e attende l’udienza del prossimo primo febbraio sul suo caso. 

Patrick Zaki dà il primo esame e lo scrive sui social: “Bello tornare studente”

E sui canali social Patrick ha voluto “celebrare” questo ritorno alla normalità e suggello di libertà, lo ha fatto con il suo sorrisone e spiegando che “è bello tornare studente”. E ancora: “Non vedo l’ora di essere fisicamente in classe“. 

L’ultimo appello della sessione master, quello che nel 2020 non diede perché arrivò la polizia egiziana

Perché si, Patrick vuole tornare nella “sua” Bologna, vuole starci fisicamente.

Per adesso ha dato un esame a distanza presso l’ateneo felsineo. Si tratta dell’ultimo esame della sua prima sessione del master. Quell’appello lui lo avrebbe dovuto sostenere a febbraio 2020 al rientro a Bologna dalla sua breve vacanza in famiglia in patria. Non lo aveva sostenuto perché invece di rientrare a Bologna Zaki fu arrestato e tenuto in custodia cautelare per oltre 22 mesi prima di essere scarcerato a dicembre. 

Il 30 e lode con cui Patrick Zaki è tornato alla vita che merita, per ora solo a distanza

I giudici egiziani gli avevano concesso l’attenuazione della misura di cautela e Patrick aveva espresso la sua volontà di ritornare a Bologna dove lo attendevano i suoi colleghi e professori dell’Università. A proposito, come è andato il primo esame di Zacki uomo libero? 30 e lode. Ma su quale materia? “Movimenti delle donne nella storia moderna italiana”. Un esame sulla libertà in attesa di tornare a lottare per la sua.

Contents.media
Ultima ora