> > Patrick Zaki: udienza aggiornata al 28 febbraio

Patrick Zaki: udienza aggiornata al 28 febbraio

Patrick Zaki

Patrick Zaki: l'udienza è stata aggiornata al 28 febbraio, ma Amnesty lamenta: "Rinvio abnorme, ha difeso la sua comunità".

Situazione ancora in alto mare per Patrick Zaki.

L’udienza nei confronti dello studente egiziano dell’Università di Bologna è stata aggiornata al prossimo 28 febbraio. Amnesty, che ha confermato la notizia a FanPage, non ci sta. L’organizzazione non governativa si è espressa sul caso di Zaki ricordando come il giovane abbia agito solo per difendere la sua comunità, parlando inoltre di “rinvio abnorme”. Il futuro di Patrick rimane più che mai oscuro. Amnesty ha confermato le informazioni trapelate da una fonte vicina al dossier davanti al Palazzo di Giustizia di Mansura.

Proprio qui è in corso il procedimento per diffusione di notizie false. 

Patrick Zaki: il tweet dello studente conferma le ultime notizie

In seguito è stato lo stesso Zaki a confermare le ultime news sulla sua situazione, tramite un tweet pubblicato sul suo profilo ufficiale. Il ragazzo ha scritto: “È stato rinviato al 28 febbraio per completare le memorie e gli atti”. 

Amnesty: “L’incontro tra Meloni e Al Sisi non ha portato a nulla di nuovo”

Il portavoce di Amnesty Italia, Riccardo Noury, ha rilasciato alcune dichiarazioni sull’udienza aggiornata: “È un rinvio abnorme al 28 febbraio quello del processo a Patrick. La nona udienza del processo si terrà quando saranno stati superati abbondantemente i 3 anni di questa persecuzione giudiziaria. Ricordiamo che Patrick è sotto processo per aver difeso la sua comunità, la minoranza cristiano-copta parlando della discriminazione che subisce … L’incontro tra Meloni e Al Sisi non ha portato a nulla di nuovo, è tutto come prima”.