×

Patrizia Martignano morta di covid a 48 anni: lascia un marito e tre figli

Patrizia Martignano morta di covid a 48 anni: lascia un marito e tre figli, la sua morte segue quella del concittadino 28enne Emanuele Stefano

Patrizia Martignano

Patrizia Martignano morta di covid a 48 anni: lascia un marito e due figli, oltre alla mesta consapevolezza della comunità salentina di Matino di pagare un pegno davvero altissimo al coronavirus, dato che solo due giorni fa era morto il 28enne del luogo Emanuele Stefano.

Patrizia era una giovane mamma di soli 48 anni, ricoverata al dea di Lecce dopo che aveva contratto il virus in una forma che si era rivelata subito molto aggressiva e che le aveva quasi subito scatenato complicazioni polmonari severe.

Patrizia Martignano morta di covid a 48 anni: lascia un marito e tre figli, lo sgomento

Patrizia era originaria del piccolo borgo di Parabita ma viveva da tempo a Matino con il marito Marcello e i figli Francesca, Dalina e Lorenzo.

Amatissima dalla comunità con cui condivideva vita quotidiana, gioie e dolori, Patrizia ha lasciato un vuoto pauroso in una società già abbattuta dalla morte di un altro suo figlio giovanissimo, il 28enne Emanuele.

Patrizia Martignano morta di covid a 48 anni: lascia un marito e tre figli, le parole del sindaco

Patrizia era titolare di un’attività commerciale molto ben avviata in paese e il sindaco di Matino, Giorgio Toma, ha voluto commentare la sua tragica scomparsa.

“Siamo affranti per la perdita di una persona così giovane. Purtroppo il virus non risparmia nessuno”. E in merito alla morte quasi in sincrono dell’altro giovane figlio di Matino il sindaco Toma ha dichiarato: “Effettivamente Matino sta pagando oltremodo il proprio tributo con il nuovo coronavirus e speriamo di dover fermarci qui senza dover contare altre vittime”.

Patrizia Martignano morta di covid a 48 anni: lascia un marito e tre figli, pochi giorni fa Emanuele

Solo pochi giorni fa il 28enne Emanuele Stefano, senza alcuna patologia pregressa e ad un’età in cui tutto lascerebbe prespporre che il covid sia battibile, aveva dovuto cedere anch’esso alla devastante forza del coronavirus. Giovane molto amato soprattutto in parrocchia, viveva con sua madre risultata positiva anch’essa. Un destino crudele che ha accomunato i due matinesi anche nelle tappe del dolore, con entrambi ricoverati, purtroppo invano, a Lecce in terapia intensiva. I funerali della povera Patrizia Martignano, mamma e moglie amorevole, si svolgeranno alla 16.30 di oggi, 3 maggio presso la Parrocchia di San Giorgio a Matino.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora