> > Pd, Masia: "Cambio nome? Se resta tutto uguale operazione maquillage sen...

Pd, Masia: "Cambio nome? Se resta tutto uguale operazione maquillage senza senso"

default featured image 3 1200x900

Roma, 3 ott. (Adnkronos) - Cambiare il nome del Pd: "Io non capisco il senso. Mi sembra una operazione di maquillage, di forma, non di sostanza. Va ridefinito l'assetto organizzativo e comunicativo del Partito oltre al quadro di alleanze, nazionali e territoriali. Perché tanti voti ...

Roma, 3 ott.

(Adnkronos) – Cambiare il nome del Pd: "Io non capisco il senso. Mi sembra una operazione di maquillage, di forma, non di sostanza. Va ridefinito l'assetto organizzativo e comunicativo del Partito oltre al quadro di alleanze, nazionali e territoriali. Perché tanti voti si sono spostati verso il centro, premiando Calenda, ed altri verso sinistra, premiando Conte che ha etichettato il Movimento 5 stelle partito progressista". Così all'Adnkronos Fabrizio Masia (Emg Different) che sulla possibilità di un cambio nome del Partito democratico aggiunge: "Non ha senso lavorare sulla etichetta invece che sul contenuto della bevanda.

Partiamo dal prodotto, l'etichetta viene dopo. Se resta tutto uguale, il cambio di etichetta è operazione di maquillage".

"Il Pd deve aprirsi ad una nuova fase di riflessione per valutare le condizioni necessarie a capire se ci sono alleanze in campo – prosegue – Se fosse entrato in coalizione con il centro o con la sinistra, il Pd avrebbe pareggiato le elezioni o quanto meno non avrebbe dato la maggioranza al centro destra.

Io credo che ci sia una decisione da prendere sulla base della sensibilità politica della dirigenza del partito democratico: aprire verso il centro, intercettando anche voti dal centrodestra; oppure accordarsi con i Cinque stelle magari perdendo un po' di centro, ma costruendo un fronte più compatto".

"D'altronde – conclude – la storia insegna che non si ottiene nulla dal continuo cambio del nome, strada che il Pd si ostina a percorrere. Va piuttosto attivato un grande lavoro di ascolti, di contenuti, di programmi e di riassetto territoriale".

(di Roberta Lanzara)