> > Pelé, critiche a Infantino per i selfie e le interviste alla veglia funebre....

Pelé, critiche a Infantino per i selfie e le interviste alla veglia funebre. Lui replica

Infantino critiche

Il presidente FIFA Infantino ha replicato con un post sui social dopo la pioggia di critiche ricevuta alla veglia funebre di Pelé.

Il presidente FIFA Infantino ha preso parte nelle scorse ore alla veglia funebre di Pelé che si è tenuta presso lo stadio Vila Belmiro di Santos in Brasile.

Alcuni comportamenti tenuti da Infantino non sono stati molto graditi, tanto che i social network sono letteralmente insorti alla vista delle foto che lo ritraggono mentre scatta dei selfie o fa delle interviste vicino alla salma della leggenda del calcio brasiliana. Non si è fatta attendere la replica del Numero 1 Fifa che su Instagram ha spiegato cosa è avvenuto in quei momenti.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Gianni Infantino – FIFA President (@gianni_infantino)

Infantino replica alle critiche: “I compagni di squadra e i familiari mi hanno chiesto se potevo fare qualche foto”

Infantino nel lungo post su Instagram ha spiegato: “Vorrei precisare che sono stato onorato che i compagni di squadra e i familiari del grande Pelé mi hanno chiesto se potevo scattare qualche foto con loro. E ovviamente ho subito accettato. Nel caso del selfie, i compagni di squadra di Pelé hanno chiesto di fare un selfie con tutti noi ma non sapevano come fare.

Così, per essere d’aiuto, ho preso il telefono di uno di loro e ho scattato la foto…”

Ha quindi aggiunto: “Se essere d’aiuto ad un compagno di squadra di Pelé crea critiche sono felice di prenderle e continuerò ad essere utile ovunque possibile a chi ha contribuito a scrivere pagine leggendarie del calcio”.

La proposta di Infantino

Infine ha lanciato una proposta ossia che in ogni parte del mondo vi sia uno stadio intitolato a Pelè: “Spero che chi ha pubblicato o detto cose senza sapere e senza cercare informazioni possa avere la decenza e il coraggio di ammettere di aver sbagliato e correggere ciò che ha detto. La cosa più importante in ogni caso è rendere omaggio a Re Pelé, e sebbene io abbia umilmente suggerito che in tutte le nostre 211 associazioni membri almeno uno stadio o una sede di calcio porti il suo nome, noi daremo l’esempio dando il campo nella nostra testa dquarters il nome “Estádio Pelé – FIFA Zurigo”.

Um abraço e viva o Rei!”.