Peli incarniti all'inguine: come toglierli
Peli incarniti all’inguine: come toglierli
Donna

Peli incarniti all’inguine: come toglierli

I peli incarniti compaiono spesso, soprattutto in alcune zone come l’inguine. E’ possibile toglierli in maniera abbastanza semplice.

La rimozione dei peli superflui tramite depilazione o rasatura può provocare il fastidioso problema dei peli incarniti. In alcune zone, poi, è più frequente che compaiano soprattutto nelle donne: una di queste è sicuramente l’inguine. I peli incarniti spesso si infiammano dando origine a prurito e dolore e, nei casi peggiori, provocano la comparsa di vere e proprie cisti. Nel caso specifico dell’inguine, i peli incarniti sono spesso la conseguenza di una rasatura frettolosa con il rasoio oppure, in caso di ceretta, di una errata gestione della fase che segue la depilazione.

E’ infatti necessario che, dopo aver depilato la zona inguinale, si proceda ad una corretta idratazione utilizzando acqua a temperatura ambiente ed evitando detergenti a base alcolica. Se compaiono nella zona dell’inguine, i peli incarniti possono essere rimossi con una pinzetta disinfettata oppure con un ago sterile.

Dopo l’estirpazione si procede a disinfettare l’intera zona con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol.

E’ importante che l’operazione venga svolta con delicatezza e precisione, rimuovendo il pelo dallo strato sottocutaneo e badando bene a non spezzarlo. La rimozione dei peli incarniti può provocare irritazioni e sanguinamenti, che però non dovrebbero lasciare alcuna traccia. Per prevenire la formazione di peli incarniti nella zona dell’inguine potrebbe essere utile l’applicazione di creme depilatorie, che contengono sostanze emollienti che rendono la pelle più morbida e pronta alla depilazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche