×

Pentagono: “Vogliamo la Russia indebolita, altri 700 mln di aiuti militari all’Ucraina”

Dopo una visita lampo a Kiev, il capo del Pentagono Austin ha annunciato nuovi aiuti militari per Kiev e l'intenzione di indebolire la Russia.

Generale afroamericano

Il capo del Pentagono Lloyd Austin ha affermato che l’intenzione degli Stati Uniti è quella di vedere la Russia indebolita affinché non possa lanciare nuove guerre. Il segretario della Difesa ha avuto un colloquio lampo a Kiev con il segretario di Stato Antony Blinken dopo che entrambi hanno incontrato il leader ucraino Volodymr Zelensky.

Pentagono: “Vogliamo Russia indebolita”

L’ex generale e politico statunitense ha evidenziato che “Mosca ha già perso molte delle sue capacità militari e molte truppe e non vorremmo che le ricostruisca rapidamente“. Di fronte ad una Russia che “non ha raggiunto gli obiettivi che si è posta”, ha continuato, la strategia degli Stati Uniti è quella di fare una massiccia pressione sulla Federazione e continuare a dare un ingente sostegno all’Ucraina.

Llyod: “Invieremo altri 700 milioni di aiuti militari”

A tal proposito si sono impegnati a fornire altri 700 milioni di dollari di aiuti militari all’Ucraina (in totale ammontano a 4 miliardi gli aiuti militari americani finora destinati a Kiev) nonché il ritorno degli ambasciatore americano a Kiev. Il suo posto è rimasto vacante dal 2019, quando Marie Yovanovitch venne richiamata, e sarà ora occupato dall’attuale ambasciatrice USA in Slovacchia Bridget Brink (Biden la nominerà in settimana).

A proposito delle nuove armi che l’America invierà all’Ucraina, che hanno già fatto scattare le proteste del Cremlino, Lloyd ha affermato che “noi faremo tutto quello che possiamo per fornire agli ucraini il tipo di sostegno, il tipo di artiglieria e munizioni che siano efficaci in questa fase della guerra“. Recentemente gli USA avevano autorizzato l’invio di 800 milioni di aiuti che ha consentito loro di fornire 5 battaglioni di 155 obici e centinaia di migliaia di munizioni di artiglieria.

Contents.media
Ultima ora