×

Perché bisogna scrivere Kyiv e non Kiev: così gli ucraini chiamano la propria Capitale

Kyiv è la traslitterazione ucraina della toponomastica, non la più diffusa in Italia, ma fondamentale per gli ucraini.

Kyiv e non Kiev

L’Ucraina è vittima di una guerra scoppiata per ragioni ancora in larga parte non dichiarate, forse misteriose, sicuramente inutili. L’intero Occidente si schiera al fianco del presidente Zelensky, che non esclude le preoccupazioni persino sulla sua vita. Le Capitali delle principali città italiane si tigono di giallo e blu, i colori della bandiera ucraina, in segno di vicinanza e solidarietà al Paese nel cuore dell’Europa orientale.

La guerra comincia a vietere mittime, a creare panico e spezzare intere famiglie. I feriti aumentano, i cittadini si mettono a riparo in scantinati e metropolitani. I più fortunati sono riusciti ad abbandonare la propria patria, non a cuor leggero e non con poche difficoltà. I fidanzati si dicono addio, i padri salutano mogli e figli per vestire la divisa militare e andare al fronte. L’amor di patria dilaga tra gli ucraini, ma la paura aleggia in ogni angolo di città orami semi deserte, dopo le lunghe code per fuggire.

Il dolore è straziente, il terrore impossibile da scalfire e il futuro appare terribilmente incerto. Lacrime e urla interrompono il silenzio imperante nelle città, alternato dai bombardamenti. Per mostrare la dovuta solidarità all’Ucraina, il nome della sua Capitale deve essere scritto diversamente: per i suoi cittadini è fondamentale.

Kyiv e non Kiev: il motivo

In quel nome racchiudono la propria identità nazionale, la stessa che Putin vuole assorbire, annullare, negare una volta per tutte.

La Russia vive nella convinzione che l’Ucraina debba rientrare nel proprio territorio, geograficamente e culturalmente. Ma gli ucraini rivendicano la propria autonomia, la storia che hanno alle spalle e la cultura che li anima.

Così anche il nome di una città può nascondere significati geopolitici e storici talvolta poco noti, ma non per questo meno importanti.

Così, se a noi la differenza tra Kiev e Kyiv (e la rispettiva pronuncia) può sembrare indifferente, per il popolo ucraino è davvero importante.

Kyiv è come gli ucraini chiamano la propria Capitale: si tratta della traslitterazione ucraina della toponomastica. La versione russa, Kiev, è più comune e maggiormente diffusa anche in Italia, ma non è quella che identifica il popolo ucraino. Lo stesso vale per altre città: Donbas e non Donbass, Luhansk e non Lugansk.

Contents.media
Ultima ora