Perché i gatti si strappano i peli a ciocche?
Perché i gatti si strappano i peli a ciocche?
Animali

Perché i gatti si strappano i peli a ciocche?

gatti

I gatti per natura perdono il pelo. Quando la perdita diventa eccessiva possono esserci dei problemi alla base. Ecco le maggiori cause di questo disturbo.

Con il cambio di stagione estivo, i gatti perdono più pelo del normale per alleggerirsi e sentirsi più freschi. Quando, però, la perdita di pelo avviene nelle stagioni fredde o è consistente, probabilmente è dovuta ad una causa patologica o emotiva, in particolare quando cadono intere ciocche di pelo e sul corpo si formano intere chiazze glabre.

Problemi di salute del gatto

Se un gatto presenta zone prive di pelo, potrebbe soffrire di problemi ormonali, problemi immunitari o essere allergico a qualcosa nell’ambiente o nell’alimentazione. In ogni caso, è opportuno farlo visitare da un veterinario.

Pulci

I gatti possono essere ospiti delle pulci, soprattutto quando hanno l’abitudine ad uscire dall’abitazione. Le pulci non sono facili da vedere, ma potete notare che il gatto si gratta spesso, a volte fino al punto di sanguinare. A volte è possibile notare piccoli ammassi di detriti neri lungo la schiena del gatto, che stanno ad indicare la presenza di pulci.

All’inizio le punture non causano reazioni cutanee visibili, ma quando sono numerose possono causare intense allergie con prurito, perdita di pelo ed eritemi. Si forma una lesione umida che poi diventa una crosta, che possono aggravarsi perché i gatti tendono a mordere e grattare la parte fastidiosa. In un gatto piccolo o debole, possono causare anemia felina. Per evitare le pulci è necessario controllare gli animali tutto l’anno. Bisogna eliminarli anche dall’ambiente con specifici prodotti poiché le pulci possono infestare sedie, cuscini e altre parti d’arredamento.

Alopecia

Quando i gatti perdono vere e proprie ciocche o pelo in gran quantità che lasciano chiazze glabre, si parla di alopecia.

Le cause possono essere di diversa natura, con sintomi contemporanei alla perdita di pelo:

  • Alopecia atopica: generalmente è dovuta ad una allergia e si manifesta con occhi rossi e difficoltà respiratorie;
  • Alopecia areata: le chiazze glabre sulla testa e sul collo appaiono velocemente ed è una reazione autoimmune del corpo.

    Di norma, scompare spontaneamente, ma è sempre utile consultare il proprio veterinario;

  • Dermatite: può portare alla caduta di intere ciocche di pelo per il continuo grattarsi del gatto e perché la pelle è irritata e non fa crescere il pelo. Di solito, il pelo riprende la crescita con la scomparsa dei sintomi;
  • Gravidanza e stress: si tratta di un momento per lo più transitorio. In alcune situazioni stressanti, con un’alterazione del ciclo ormonale o delle abitudini, capita che i gatti perdano più pelo del solito;
  • Ipertiroidismo: è la principale causa di perdita di pelo. Altri sintomi sono l’appetito e la sete insaziabili con perdita di peso. L’ipertiroidismo è facilmente curato con i farmaci o con una terapia a base di iodio radioattivo;
  • Ipotiroidismo: rara malattia nei gatti, che provoca anche debolezza e letargia;
  • Malattia di Cushing: malattia meno comune di perdita di pelo nel gatto, che dà sintomi come letargia, aumento dell’appetito e della sete.

    Si riconosce perché è una malattia bilaterale: il pelo che manca o le chiazze che si formano su un lato del corpo è quasi identica a quella che manca dall’altro lato. Generalmente, si posiziona a metà addome, anche se può svilupparsi ovunque sul corpo.

Infezioni e parassiti

Quando il pelo cade per una malattia o infezione, curando la patologia riprende a crescere. La rogna, la tigna o le infezioni da parassiti possono portare alla perdita del manto. In questi casi è necessaria la visita di un veterinario per capire come trattare il problema

Noia

I gatti casalinghi, soprattutto se lasciati soli molte ore al giorno, si annoiano. La noia può portare a far diventare un’abitudine quella di grattarsi o leccarsi parti del corpo. È importante, quindi, dedicare tempo e attenzioni al gatto, stimolandolo e lasciando dei giochi a disposizione per scacciare la noia.

Altri stress

La fonte più comune di stress in un gatto è la presenza di un nuovo gatto nel suo territorio.

L’altro gatto urina, lui ne sente l’odore e soffre di stress. È possibile adottare vari provvedimenti per scoraggiare il gatto in visita senza ferirlo, come spruzzi d’acqua e repellenti. È risaputo anche che l’odore di alcune piante da giardino, come la lavanda, tiene lontani i gatti. Tenere delle bottiglie di plastica piene d’acqua posizionate in vari punti, serve per non far urinare i gatti nei posti maggiormente frequentati dal nostro peloso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche