×

Perchè le piramidi hanno quella forma?

Condividi su Facebook

Una cosa da ricordare quando si guarda le piramidi in Egitto, è che sono il prodotto dell’evoluzione architettonica.

Gli egiziani non hanno improvvisamente deciso la forma delle piramidi che ormai è famigliare a tutto il mondo, essi hanno sperimentato sia con successi che con fallimenti.

Il primo passo

La prima piramide era costituita da sei livelli di blocchi di pietra a forma di scalini che raggiungevano i 200 piedi. Questa piramide, costruita tra il 2686 e il 2613 a.C. era stata progettata da Imhotep per il faraone Djoser.

Alcuni archeologi hanno ipotizzato che la Piramide a gradoni era semplicemente una pila di mastaba (strutture in pietra quadrata usata come tomba), ognuna di dimensioni decrescenti, impilate una sopra l’altra. Altri teorizzano che gli Egiziani avevano preso in prestito l’idea delle ziggurat sumeriche che erano delle torri rettangolari a gradoni. I Sumeri le utilizzati come templi ed erano destinati agli dèi per riposare ciò lega con l’idea della piramide come luogo di riposo per i faraoni.

La piramide Meydum

Il primo tentativo di coprire gli scalini, cercando di creare una superficie liscia fu durante il regno del faraone Snefru, tra il 2613 ed il 2589 a.C. Questa piramide si chiama Piramide Meydum. Le macerie attorno alla sua base suggeriscono il fatto che Snefru pianificò di rivestirla con pietre lisce. Questo tentativo non ebbe successo e la piramide non è mai stato utilizzata.

La piramide Bent

Snefru non si arrese dopo il suo primo fallimento.

Il suo tentativo successivo è stato la Piramide Bent. Riuscì a renderla liscia, ma non riuscì a calcolare gli angoli correttamente. L’angolo originale della piramide era di 52 gradi. Durante la costruzione si rese conto che l’angolo avrebbe causato troppo materiale per la base di appoggio, così cambiò l’angolo a 43 gradi, dando alla piramide la sua forma piegata.

La piramide del Nord e la Grande piramide

Imperterrito, Snefru costruì una terza piramide, la piramide del Nord, chiamata anche Piramide Rossa, perché l’arenaria illumina s’illumina di rosso.

Questa volta cominciò con 43 gradi e riuscì a creare le pareti lisce e una piramide visivamente accattivante. Figlio di Snefru, Khufu, commissionò forse la piramide più famosa, la Grande Piramide. Il faraone Cheope (2589 – 2566 a.C.) imparò dagli errori di Snefru e creò una piramide con un ripido pendio di 51 gradi e l’altezza di 481 metri.

Evoluzione della forma piramidale

Mentre le teorie sulla creazione delle piramidi abbondano, la realtà è molto più semplice. Le piramidi, viste dal Medio Oriente al Sud America, hanno strutture semplici. La forma della base era costituita da un insieme di scatole di dimensioni decrescenti impilate l’una sull’altra. Il passo successivo è stato quello di rivestire con una guaina liscia di calcare. Nessuno sa perché Snefru decise di fare questo, ma potrebbe essere stato solo un capriccio. Più tardi i faraoni continuato la tradizione, e così il mondo moderno ha famigliare questa forma della piramide.

1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
giuseppe grimaldi
29 Aprile 2020 11:13

Ma nel paragrafo Piramide nord o grande piramide c’è un errore, la piramide di Cheope è alta m 146 non 480 e l’angolo di inclinazione è 52

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.