×

Perché si può prendere la variante Omicron del Covid due volte

Cosa ha scoperto lo Statens Serum Institut di Copenhagen e perché si può prendere la variante Omicron del Covid due volte, ma molto raramente

Uno studio analizza le possibilità di reinfezione dopo aver contratto la Omicron

Ecco perché, in alcuni casi percentualmente già definiti, si può prendere la variante Omicron del Covid due volte: può succedere, secondo uno studio dello dello Statens Serum Institut di Copenhagen, nei casi in cui la variante gemella di Omicron, chiamata BA.2oOmicron 2, va a “sovrapporsi” alla Omicron.

La variante Omicron potrebbe colpire due volte: lo studio danese

La Omicron 2 è in constante aumento nel mondo, è di poco più contagiosa della già contagiosissima gemella originaria e in Danimarca ha preso il sopravvento nel mese di gennaio. E cosa hanno scoperto gli studiosi dello Statens Serum Institut? I risultati sono oggetto di uno studio che ha preso in esame 47 casi di infezioni da BA.2 sopravvenute poco dopo un’infezione da BA.1.

Attenzione, parliamo di uno studio in preprint non sottoposto a revisione. Tuttavia in esso ci sono linee di indirizzo già molto definite: “Forniamo la prova che le reinfezioni di Omicron BA.2 si verificano poco dopo le infezioni da BA.1, ma sono rare”, scrivono gli autori.

Su 187 casi ci sono state 47 reinfezioni con Omicron BA.2

Come hanno proceduto gli scienziati? Selezionando un sottoinsieme di campioni tra 1,8 milioni di casi di infezioni comprese nel periodo dal 22 novembre 2021 all’11 febbraio 2022.

Da lì si è proceduto alla selezione degli individui con due campioni positivi (tra 20 e 60 giorni di distanza tra la prima e la seconda infezione). Ebbene, su un totale di 187 casi del genere sono stati identificati 47 casi di reinfezione da BA.2 subito dopo un’infezione da BA.1. Di questi 47 casi però l’89% non era stato vaccinato, il 6% era stato vaccinato due volte e il 4% aveva avuto una sola dose.

Il dato di sintesi è evidente: esiste in punto di scienza una maggiore immunità ottenuta dalla combinazione di vaccinazione/infezione rispetto alla sola immunità indotta dall’infezione. Durante il periodo di controllo nessun soggetto è stato ricoverato in ospedale o è morto. Oggi la Danimarca ha circa il 32% della popolazione positivo, ma ha avuto solo lo 0’1% i reinfezioni.

Contents.media
Ultima ora