> > Perchè venerdì 13 porta sfortuna

Perchè venerdì 13 porta sfortuna

venerdì 13

Come mai venerdì 13 è così temuto nella cultura popolare?

Venerdì 13, si sa, è un giorno considerato menagramo nella cultura popolare.

Una data non  reputata di buon auspicio, che ha ispirato anche una celebre saga di film dell’orrore. In realtà la negatività del giorno in questione trae origine da più cause. La sua cattiva fama deriva da diverse sciagure od eventi non proprio belli. Si pensa, infatti che venerdì 13 del 1307, Filippo il Bello, re di Francia, fece uccidere i cavalieri templari. Venerdì fu anche il giorno in cui Gesù sarebbe stato crocifisso, almeno secondo quanto ci tramanda la tradizione cristiana.

Venerdì 13 ha anche ispirato un romanzo del 1907: “Friday, the Thirteenth”.

Cosa c’entra venerdì 13 con l’Ultima Cena?

Il numero 13 ha creato una vera e propria fobia irrazionale nell’essere umano, meglio conosciuta come ‘triscaidecafobia’. Le storie su questo giorno e le cause della sua aura sciagurata non sono terminate. Come informa Dire, il 13 è un numero sfortunato in quanto tredici erano i componenti dell’Ultima Cena.

Proprio da questo evento che precedette la morte di Cristo, è sconsigliato al giorno d’oggi avere a banchetto tredici commensali. 

Secondo la Cabala è il numero della morte 

Nella Cabala, il numero 13 simboleggia la morte e la stesso significato assume nei Tarocchi, la cui carta è rappresentata da uno scheletro con una falce in mano. Bisogna precisare, tuttavia, che la carta in questione non ha come base esclusivamente un significato nefasto, ma può indicare anche cambiamento futuro.