Personaggi Letterari: Hannibal Lecter | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Personaggi Letterari: Hannibal Lecter
Lifestyle

Personaggi Letterari: Hannibal Lecter

<<Uno che faceva un censimento, una volta, tentò di interrogarmi. Mi mangiai il suo fegato con un bel piatto di fave e un buon Chianti>>.

Il dottor Hannibal Lecter, detto “The Cannibal” , uno dei più discussi e controversi personaggi letterari, divenuto celebre soprattutto per le magistrali interpretazioni di Antony Hopkins nelle varie trasposizioni cinematografiche, è un personaggio immaginario, nato dalla fantasia dello scrittore Thomas Harris.
Ma cosa ha permesso a questo “mostro della letteratura” di diventare così popolare, tanto da venire puntualmente annoverato come uno dei serial killer immaginari più famosi della storia? Cerchiamo di scoprire chi sia questo leggendario personaggio e cosa si nasconda sotto il suo charm da gentiluomo.

Stando a quanto scrive Harris, Hannibal Lecter nasce in Lituania, poco prima della seconda guerra mondiale, da una ricca famiglia aristocratica. Lo scoppiare della guerra costringerà la famiglia a rifugiarsi in una casa di campagna, dove tuttavia il piccolo Hannibal dovrà assistere, impotente, all’uccisione dei suoi genitori.

Qualche giorno dopo, il rifugio nel quale alberga con la sorella Mischa viene occupato da un gruppetto di Volksdeutsche lituani (collaborazionisti dei tedeschi), che per far fronte alla totale assenza di cibo uccidono la piccola Mischa per mangiarsela.

Da qui, molto probabilmente, nasce la malsana perversione di Lecter, che lo porterà, nel corso degli anni, a dedicarsi al cannibalismo. Crescendo infatti, oltre a divenire uno psichiatra e un criminologo di fama mondiale, coltiva una forte passione per la cucina, dedicandosi ad essa nel tempo libero, collaborando con diverse riviste e scrivendo interi libri sull’argomento.

Forse è proprio questo suo doppio volto che tanto ha affascinato i lettori di tutto il mondo. Perché i mostri, quelli veri, quelli peggiori, sono proprio coloro che non dimostrano di esserlo, che tengono nascosta la loro grottesca natura. Essi sono forse i più pericolosi, gli unici di cui valga realmente la pena d’aver timore.
Il guaio è che essi piacciono.
Piacciono perché sono crudeli, sono ambigui, o forse perché così maledettamente reali, simili ai tanti altri squali che quotidianamente passeggiano a testa alta per le strade delle città.

Questo è il segreto di Hannibal Lecter.

Un viso cordiale, dai modi garbati e dalla parlata dotta, ma che in realtà cela un animo scuro come la pece. Ecco perché il famoso serial killer de Il silenzio degli innocenti ha avuto tanto successo e, molto probabilmente, continuerà ad averne ancora per tanti anni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche