×

Pesci d’aprile più famosi della storia: dai draghi sulla Terra al nuovo album di Battisti

I panini per i mancini, il ritrovamento del mostro di Loch Ness, la tv di stato a colori: i pesci d'aprile più famosi della storia.

Pesci d'aprile più famosi

Se c’è una giornata in cui vale tutto, quella è il primo di aprile. Da anni, la tradizione diffusa in diversi paesi del mondo vuole che un questa occasione si mettano in atto scherzi di varia natura, i cosiddetti “pesci d’aprile“, con lo scopo bonario di prendere in giro le vittime di essi: vediamo quali sono quelli più famosi della storia.

Pesci d’aprile più famosi

Tra questi vi è quello che la rivista Nature fece nel 2015, facendo credere che a causa del riscaldamento globale e delle condizioni ambientali della Terra i draghi avrebbero potuto fare ritorno a breve sul nostro pianeta. Un altro, risalente a decine di anni addietro (1972), riguarda invece il mostro di Loch Ness, la creatura sconosciuta che viveva nel lago delle Highlands scozzesi. Un ranger della zona aveva raccontato di averlo visto galleggiare senza vita nelle acque della Scozia, lo aveva fotografato e le sue carcasse erano state portate ed esibite in uno zoo.

Fino a quando qualcuno non notò che si trattava di un grande elefante marino e l’uomo ammise di aver fatto uno scherzo.

Nel medesimo anno ci fu un altro pesce d’aprile che fece scalpore, ovvero l’annuncio che l’astronomo Patrick Moore fece in diretta sulla BBC. In quella giornata, aveva riferito l’esperto, i pianeti Giove e Plutone si sarebbero allineati in modo assolutamente particolare causando effetti sulla forza di gravità.

In particolare, gli abitanti della Terra si sarebbero sentiti più leggeri e avrebbero anche potuto saltare molto più agevolmente.

Panini per i mancini e nuovo album di Battisti

Impossibile poi non citare la pubblicità, comparsa nel 1998 sul giornale statunitense Usa Today, che annunciava l’arrivo di un panino perfetto per essere mangiato dai mancini (Left-Handed Whooper). O ancora l’annuncio dell’abilità dei pinguini di volare fatta dalla BBC all’interno del documentario Miracoli dell’Evoluzione.

A supporto della news vi era un video, evidentemente montato in modo che gli animali sembrassero volare, che ha ingannato molti appassionati.

Ancora più indietro nel tempo, in particolare al 1962, risale il pesce d’aprile della tv di stato svedese che aveva annunciato l’arrivo del colore. Non si trattava, però, di un vero aggiornamento tecnologico ma di uno scherzo: gli utenti erano infatti invitati ad utilizzare una calza di nylon sopra lo schermo per dire finalmente addio al bianco e nero.

Con focus sull’Italia, da citare è invece lo scherzo che il giornalista Franco Zanetti fece il 1° aprile del 1998 annunciando un nuovo album del cantautore Lucio Battisti chiamato L’Asola. Inutile dire che si trattava di un fake anche se non furono pochi quelli che ci credettero veramente.

Contents.media
Ultima ora