×

Peter White presenta il nuovo singolo “Gibson rotte” e la sua iniziativa a favore della musica

Nell'intervista esclusiva Peter White presenta il suo nuovo singolo, "Gibson rotte": "Racconto emozioni personali in un contrasto tra passato e presente".

Peter White Gibson rotte

Il cantautore romano Peter White, reduce dalla certificazione di Disco d’Oro per “Narghilè” e dal successo di “Rosé”, presenta nell’intervista esclusiva il suo nuovo singolo, “Gibson rotte”. Pop e rock si uniscono raffinatamente e danno origine a un brano coinvolgente, che merita di essere ascoltato e cantato a squarciagola.

Una canzone evocativa e a tratti malinconica, che porta con sé l’intento simbolico di mettere insieme i pezzi e riavvicinare l’artista al suo pubblico grazie alla musica. Per questo motivo, Peter White ha deciso di personalizzare alcune chitarre e filmarle, per poi lasciarle davanti ad alcuni dei locali di musica dal vivo di Roma più simbolici per il suo percorso umano e artistico. Si tratta dell’Ex Magazzini (suo primo e vero proprio concerto, tra l’altro sold out), Marmo (luogo di ritrovo per amici e conoscenti del settore e non solo) e Atlantico (dove da sempre sogna di esibirsi).

Con “Gibson rotte” Peter White propone un sound pop ricco di influenze indie e rock. Tra scene quotidiane e metafore evocative, la scrittura intensa ed emozionante di Peter White emerge una volta in più. A chi ascolta manda un messaggio chiaro e importante: godersi il presente, anche negli attimi più semplici.

Peter White, “Gibson rotte” è il suo nuovo singolo

Peter White ha raccontato il lavoro che sta dietro il suo nuovo singolo, “Gibson rotte”.

“In pochi minuti ho focalizzato delle emozioni e sensazioni vissute. Il fil rouge è una riflessione sulle giornate storte e sull’ambivalenza più dolce della vita. Ripenso a situazioni del passato con gli occhi del presente, cogliendo dettagli che sono sfuggiti e rivivendo alcune emozioni. Il contrasto tra passato e presente è molto presente nella mia scrittura e nella mia musica”, ha spiegato.

La sua canzone è un invito a chiudere gli occhi, a lasciarsi andare alle riflessioni più intime per riassaporare i momenti più speciali del passato, senza dimenticarsi di vivere al meglio il presente.

“Guardandomi alle spalle, mi sento molto soddisfatto del percorso che ho intrapreso e dei risultati ottenuti”, ha sottolineato.

Peter White, “Gibson rotte” è il simbolo della ripartenza

Da sempre vicino al settore della musica e dello spettacolo, da tempo colpito dalle limitazioni anti-Covid che hanno comportato non poche proteste nelle principali città italiane, Peter White ha mostrato tutta la sua solidarietà nei confronti di colleghi e di chi lavora duramente dietro le quinte, rendendo perfetto ogni spettacolo.

Con la sua musica, Peter White manda un segnale di vicinanza e ripartenza per alcune realtà al momento inattive, che custodiscono dietro alle loro serrande desideri, ricordi e momenti di spensieratezza ancora vividi.

In particolare, ha commentato: “Oggi desidero avere il pubblico vicino: vedere la gente è il feedback più prezioso che un musicista possa avere. È un periodo complesso, che ormai è diventato una routine. Non è più una sensazione nuova, ci siamo quasi abituati. Il settore musicale è uno dei più colpiti e il concerto manca proprio come aggregatore sociale. Mi manca persino fare la fila. Con l’uscita del mio nuovo singolo, “Gibson rotte”, e le chitarre firmate lasciate davanti ad alcuni locali di Roma mando un messaggio di speranza per l’intero comparto, includendo le numerose persone che lavorano dietro le quinte. L’augurio è che si possa presto ripartire, con tutte le dovute sicurezze.

Peter White, “Gibson rotte” e i prossimi progetti

Nato a Roma nel febbraio del 1996, Pietro Bianchi, in arte Peter White, ha sempre amato scrivere, soffermandosi su sensazioni e scene che vede, sente e vive.

Nelle sue esperienze musicali tenta di miscelare il pop e il rap. I testi raccontano esperienze e vissuti dove tutti possono provare sensazioni personali: dalle descrizioni di un amore particolare a episodi comuni della quotidianità. Tra i singoli maggiormente apprezzati spicca “Narghilè”, uscito come singolo nel 2018, che conta 17 milioni e mezzo di stream su Spotify e ha ottenuto la certificazione di Disco d’Oro. Il 24 aprile 2019 Peter White esordisce con il suo primo album “Primo appuntamento”, che ha superato i 20 milioni di stream su Spotify. Dopo un’estate trascorsa in tour in tutta Italia, il 21 febbraio 2020 torna sulle scene per regalare ai suoi fan il singolo “Poker”, in cui racconta la sua vita quotidiana attraverso la metafora del gioco d’azzardo. Pochi mesi dopo ha pubblicato “Sabato sera”, in collaborazione con l’artista e amico romano Gemello, seguito a novembre 2020 dalla romantica e intensa “Rosé”, che riscuote un grandissimo successo di pubblico e di critica.

È contentissimo per il suo nuovo singolo, “Gibson rotte”, e mentre si gode la soddisfazione del momento è già al lavoro su nuovi progetti. “Per ogni canzone che esce, ce ne sono molte altre che restano nei meandri più nascosti. Ma io e il mio team continuiamo a lavorare: è la cosa più importante”, ha fatto sapere.

Contents.media
Ultima ora