×

Petizione: No ai botti di Capodanno 2012

Condividi su Facebook


AIDAA, Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente, vuole mettere fuori legge i botti di capodanno e allo stesso tempo di denunciare la morte di 5000 animali ogni anno a causa dei botti di San Silvestro.

NO AI BOTTI DI CAPODANNO 2012 si compone di diverse iniziative. La prima è la petizione online che AIDAA ripropone per il 4 anno consecutivo e che è possibile firmare collegandosi al sito www.petizionionline.it/petizione/no-botti-e-fuochi-a-capodanno/5968. La seconda iniziativa riguarda il decalogo di comportamento per evitare che gli animali domestici possano soffrire (ed in molti casi trovare la morte) a causa dei botti della notte di San Silvestro.

E’ disponibile gratuitamente su richiesta via email all’indirizzo direttivo.aidaa@libero.it a partire dal 20 dicembre. Infine quest’anno per rendere più visibile la protesta contro i botti di capodanno AIDAA mette a disposizione di chiunque la locandina dell’iniziativa da esporre nei giorni delle festività natalizie sia negli esercizi commerciali che in altri luoghi pubblici e privati al fine di sensiblizzare sulla campagna No ai botti di capodanno. La locandina può essere richiesta gratuitamente all’indirizzo di posta elettronica direttivo.aidaa@libero.it


Contatti:
8 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Maria Rosa Gramaglia
29 Dicembre 2011 10:39

Facciamolo.

Maria Rosa Gramaglia
29 Dicembre 2011 10:39

Facciamolo.

Valentina Mavilla
30 Dicembre 2011 11:37

si si deve fare

Pierdaniele Fireworks Friscira
19 Marzo 2012 11:26

i Sig, dell'AIDAA, prima di avventurarsi nella presentazione di leggi baggianate, dovrebbero studiare il Codice Civile e quello Penale, articoli 678,679 c.p. Le normative sanzionatorie per la detenzione, l'utilizzo di qualsiasi fuoco d'artificio illegale, lo sparo in luogo pubblico senza la prevista licenza dell'autorità locale di P.S., sono già previste dal 1931 Regio Decreto T.U.L.P.S. Art. 57 Senza licenza della autorità locale di pubblica sicurezza non possono spararsi armi da fuoco né lanciarsi razzi, accendersi fuochi di artificio, innalzarsi aerostati con fiamme, o in genere farsi esplosioni o accensioni pericolose in un luogo abitato o nelle sue adiacenze o lungo… Leggi il resto »

Antonio Miccoli
19 Marzo 2012 13:21

Magari firmano anche una petzione alle famiglie che ci lavorano nella pirotecnica,in modo da garantirgli un reddito qualora quest'ASSURDA petizione andasse in porto?

Carlo Ernesto Macicone
19 Marzo 2012 18:26

cerchiamo di fare sentire la nostra voce , altrimenti i sacrifici dei nostri avi verranno azzerati per mano di questi imbecilli…

Pierdaniele Fireworks Friscira
19 Marzo 2012 11:26

i Sig, dell'AIDAA, prima di avventurarsi nella presentazione di leggi baggianate, dovrebbero studiare il Codice Civile e quello Penale, articoli 678,679 c.p. Le normative sanzionatorie per la detenzione, l'utilizzo di qualsiasi fuoco d'artificio illegale, lo sparo in luogo pubblico senza la prevista licenza dell'autorità locale di P.S., sono già previste dal 1931 Regio Decreto T.U.L.P.S. Art. 57 Senza licenza della autorità locale di pubblica sicurezza non possono spararsi armi da fuoco né lanciarsi razzi, accendersi fuochi di artificio, innalzarsi aerostati con fiamme, o in genere farsi esplosioni o accensioni pericolose in un luogo abitato o nelle sue adiacenze o lungo… Leggi il resto »

Pierdaniele Fireworks Friscira
1 Aprile 2016 11:41

Mi chiamo Pierdaniele Friscira e sono il presidente del SI.N.O.P (Sindacato Nazionale Operatori Pirotecnici). Vi scrivo per portarvi a conoscenza di un importante problema di ORDINE PUBBLICO e di grande attualità, dopo gli attentati di Bruxelles, Parigi, etc., ad opera dei terroristi affiliati ISIS, che con l’utilizzo di bombe auto-costruite, hanno prodotto centinaia di morti nei luoghi dove sono state fatte detonare. Questi ordigni devastanti, nel nostro paese possono essere realizzati da radicalizzati islamici, o altri malintenzionati con una facilità di gran lunga superiore a quelli utilizzati per gli ultimi attentati, dato la facilissima reperibilità di esplosivi sul territorio italiano.… Leggi il resto »


Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.