Petra Island: l'isola a forma di cuore in vendita per 15 milioni di dollari
Petra Island: l’isola a forma di cuore in vendita per 15 milioni di dollari
Viaggi

Petra Island: l’isola a forma di cuore in vendita per 15 milioni di dollari

Petra Island
Isola di Petra Island

L'incantevole isola a forma di cuore è situata a un'ora di macchina da New York, è un isolotto di circa 11 acri

Quindici milioni di dollari sono indubbiamente una cifra stratosferica: questo è il prezzo per riuscire ad accaparrarsi la famosa isola a forma di cuore. L’isolotto può definirsi come un vero e proprio angolo di paradiso; nell’isola la Natura ha generato qualcosa di incantevole, vedendola il turista ammirerà qualcosa di unico. L’isola di Petra Island è stata messa in vendita recentemente da Joe Massaro. Quest’ultimo acquistò l’isolotto spendendo solamente 750mila dollari. Unitamente all’isola sono state poste in vendita due proprietà residenziali (progettate dal noto architetto Frank Lloyd Wright). Queste due proprietà sono una sontuosa villa ubicata sul lago di Mahopac che Massaro terminò di costruire 20 anni fa (sulla base degli schizzi ideati da Lloyd Wright nel 1950), e un cottage.
La villa residenziale è inserita nella magnifica cornice rappresentata da Petra Island. Alcuni anni fa l’attrice Angelina Jolie compì un tentativo di acquisto, e tutto questo per regalarla a Brad Pitt come profondo pegno d’amore.

La magnifica isola a forma di cuore

Petra Island è un’isola davvero fantastica, è situata a 50 km a nord di New York City, inserita in un contesto naturalistico meraviglioso.

Tutto questo caratterizzato dal mare bellissimo, l’ambiente è alquanto riservato; all’interno dell’isola a forma di cuore sorge anche una pista per elicottero. Se avete in programma una visita all’isola, dovete sbrigarvi per non rimanere delusi.
Le spiagge sull’isola sono letteralmente deserte, questo oltre ad acque cristalline. Lo splendore e la bellezza di quest’isola a forma di cuore vi colpiranno immensamente e la vostra mente viaggerà alla ricerca della gioia interiore. La Natura, ogni tanto, pare proporvi qualcosa di veramente superlativo: mare e spiagge sono un connubio vincente ed azzeccato.

Altri suggerimenti su Petra Island

È bene ricordare che dall’isola non potete portare via o comprare assolutamente nulla, ma dovete portarvi dietro un bel cannocchiale per visitare per bene i suoi incantevoli dintorni. Quello che vi colpirà dell’isola non è solamente la sua forma a cuore, ma anche una sontuosa residenza progettata in maniera egregia da Frank Lloyd Wright. Tale residenza suscita delle roventi polemiche (e questo da anni) tra il proprietario dell’isola e la fondazione dell’architetto.
Joseph Massaro, l’acquirente di questa proprietà oltre 20 anni fa, per un valore all’incirca di 750mila dollari, ha intenzione di disfarsene per 15 milioni di dollari.

In un’intervista alla Effe ha dichiarato a tale riguardo che nel mondo ci sono all’incirca un migliaio di persone che possono comprarla a tale prezzo.

New York

Descrizione dell’isola di Petra Island

Grazie ai suoi 4,5 ettari a forma di cuore, l’isola abbraccia con naturalezza le acque del lago di Mahopac, e tra le magnifiche piantagioni di faggio nasconde con autorevolezza due esemplari preziosi dello stile di Lloyd Wright. Il primo da vedere è uno stupendo “cottage” oppure guest house, che occupa una superficie di poco superiore a 110 metri quadrati.
Tale edificio è stato progettato dal celebre e pluripremiato architetto americano nel 1950; negli anni in cui l’architetto era nella Grande mela per collaborare professionalmente al Museo Guggenheim.
L’altro autentico gioiello è costituito da una grandiosa residenza enorme di circa 465 metri quadrati che il pluripremiato architetto americcano progettò con la convinzione di aver oltrepassato la spettacolarità immensa del suo celebre Fallingwater. Tale edificio non poté vedere in vita, questo a causa di una mancanza di fondi dell’allora proprietario di Petra Island, A.

K. Chahroudi.

La stupenda residenza di 5mila mq

L’edificio maestoso è “arroccato” sulla posizione esatta scelta nel 1959 da Wright, la residenza enorme e sontuosa rappresenta indubbiamente il fiore all’occhiello dell’isola di Petra Island.
Vediamo, ora, di fornirvi qualche dettaglio sulla residenza “arroccata”: dispone di incantevoli ponti a sbalzo per una superficie complessiva di 2mila mq, tra l’altro bisogna ricordare l’immenso ponte a sbalzo mai progettato dal celebre architetto americano.
È bene ricordare che l’incantevole complesso vanta anche dei faggi bicentenari, un cottage riservato agli ospiti del fine settimana e uno studio d’arte. Tutto questo rende la residenza veramente meravigliosa: l’arte, l’architettura e la bellezza si fondono in qualcosa di unito, sublime ricerca della vera e piena felicità estetica dell’essere dell’Era Internettiana. Il magnifico complesso è stato costruito in mogano africano, e questo su una specifica direttiva di Wright. Infine, è bene rilevare che la residenza comprende anche sei piccoli camini a legna; oltre al fatto di essere completamente attrezzata con tutti i più moderni comfort attualmente disponibili.

Come è stato ideato il capolavoro

In origine la residenza era stata creata per riuscire in una grande impresa: quella di riuscire a rivaleggiare con il noto capolavoro di Wright del 1935 (Fallingwater, appartenente all’architettura contemporanea). Il progetto dell’edificio iniziò nel 1950, ma sin da subito si dovette interrompere per la mancanza di fondi e rimase incompleto, e questo sino a quando Joe Massaro (in irriducibile fan) lo resuscitò quasi mezzo secolo più tardi.

Nel 1996 Joe Massarò riuscì ad aggiudicarsi l’isola di Petra Island per la cifra di 700mila dollari.
Grazie a tutto questo, il sogno di Wright, anche con la consulenza dell’architetto Thomas A. Heninz, vide la luce dieci anni fa. È bene rilevare che le caratteristiche del progetto sembrano ricondurre inevitabilmente a Wright. Si accede per mezzo di un portico basso, accanto a cui è situata una lastra robusta di roccia. Quest’ultima di estende in casa per una ventina di metri, e infine sembra salire in un evidente salone esagonale.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche