> > Piacenza, viaggio in patria per far infibulare le figlie: padre arrestato

Piacenza, viaggio in patria per far infibulare le figlie: padre arrestato

Carabinieri

Un uomo ha organizzato un viaggio in patria per far infibulare le figlie. Il padre delle due bambine è stato arrestato a Piacenza.

Un uomo ha organizzato un viaggio in patria per far infibulare le figlie.

Il padre delle due bambine è stato arrestato a Piacenza. Una vicenda che ha colpito l’opinione pubblica, che risale all’inizio dell’estate. 

Viaggio per far infibulare le figlie: arrestato a Piacenza

Un uomo ha organizzato un soggiorno nel Paese di origine, Africa, per far infibulare le sue due figlie. Le due bambine, residenti a Piacenza e figlie di una famiglia di migranti, sono state infibulate durante questo viaggio.

La vicenda è finita in Procura, come riferito dal quotidiano Libertà. Il padre delle due bambine è stato arrestato dai carabinieri. La misura di custodia cautelare è stata eseguita qualche settimana fa e il caso risale all’inizio dell’estate. L’uomo aveva deciso di approfittare di un viaggio in Africa con la famiglia per sottoporre le sue due figlie all’infibulazione. 

Viaggio per far infibulare le figlie: la segnalazione

Questa vicenda è stata segnalata dai medici dell’Asl di Piacenza, che avevano visitato le due bambine.

La Procura e i carabinieri, che stanno indagando, per il momento mantengono il massimo riserbo su quanto accaduto. Le ginecologhe dei consultori familiari dell’Ausl di Piacenza e provincia hanno visitato una decina di donne che avevano subito l’infibulazione. Cristina Molinaroli, ginecologa e responsabile, ha spiegato che le donne più esposte a questa pratica davvero disumana arrivano soprattutto da Egitto, Somalia, Corno d’Africa, Yemen, Guinea, Mali, sud est asiatico e Nigeria. 

Viaggio per far infibulare le figlie: in Italia l’infibulazione è punita

Purtroppo capita molto spesso che madri o padri decidano di portare le figlie nei paesi d’origine, con la scusa delle vacanze estive, per far infibulare le bambine, che tornano inevitabilmente in Italia con l’infibulazione. Spesso vengono indottrinate a ritenere questa pratica corretta. Si tratta in realtà di una pratica disumana, che solitamente viene eseguita dagli 8 giorni ai 12 anni di età. In Italia l’infibulazione è punita secondo la legge del 9 gennaio 2006 e prevede delle pene che vanno dai 4 ai 12 anni di carcere, visto che si è in presenza di lesioni gravi.

Il padre di queste due bambine, infatti, è stato arrestato a Piacenza dai carabinieri, che ora stanno indagando su quanto accaduto.