> > Piero Fassino critico sul voto online per le primarie del Pd

Piero Fassino critico sul voto online per le primarie del Pd

fassino contro primarie pd online

La proposta di Elly Schlein di usare anche il voto online - oltre a quello nei gazebo - alle primarie del Pd, non ha raccolto molti consensi

Mentre i sondaggi politici continuano a registrare il calo dei consensi del Pd nelle intenzioni di voto, si continua a discutere su tutto, dalla data alle stesse modalità di voto delle primarie.

La proposta del voto online per le primarie del Pd

Divisi sulla data – che dovrebbe slittare al 26 febbraio – ma anche sulle stesse modalità di voto alle primarie. La proposta di Elly Schlein di usare anche il voto su internet  – oltre ai gazebo – per votare alle primarie di febbraio, non ha raccolto molti consensi nel Pd. Innanzitutto tra gli altri candidati alla segreteria. Solo Gianni Cuperlo si dice disposto a parlarne.

Fassino: “Voto online si presta a manipolazioni”

Anche Piero Fassino si unisce al coro di no: “In democrazia il voto – per essere libero, certo e rispettoso dell’elettore – è individuale e segreto. L’online, come abbiamo appurato a più riprese, non garantisce né certezza su chi realmente digita il voto, né riservatezza sulla scelta dell’elettore” ha affermato l’ex capo dei Ds -” Modalita’ digitali di voto si prestano a manipolazioni e a interferenze di cui abbiamo molti esempi.

Per queste ragioni le primarie non possono che essere in presenza.”

Chi è a favore

A favore dell’opzione online si schierano ovviamente i sostenitori della candidatura Schlein, come il segretario del Pd di Napoli Marco Sarracino: «Perché no? Significherebbe semplicemente allargare la partecipazione. Attraverso lo Spid il voto è sicuro“. Da quanto trapela su alcuni media nazionali a favore di questa modalità di voto sarebbero anche Laura Boldrini, Pierfrancesco Majorino e Alessandro Zan.