> > Manovra, paura dell'Ue: reddito di cittadinanza rinviato

Manovra, paura dell'Ue: reddito di cittadinanza rinviato

conte salvini di maio 2

Vertice notturno a Palazzo Chigi. Conte, Salvini e Di Maio modificano la manovra per evitare le sanzioni UE. Reddito di cittadinanza rinviato.

In un vertice notturno a Palazzo Chigi il Governo discute per modificare la manovra economica.

Sembra che i gialloverdi, dopo aver fatto la voce grossa con l’UE, ora temano la procedura d’infrazione. Le leve con cui Conte, Di Maio e Salvini sperano di convincere l’Europa di un prossimo abbassamento del deficit sono due. La prima è il restringimento dei destinatari della quota cento per l’età pensionabile, la seconda è il rinvio a giugno del reddito di cittadinanza. Alla fine del vertice il primo ministro Giuseppe Conte e i vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio firmano una nota congiunta in cui si legge: “Non è una questione di decimali.

Bisogna quantificare con precisione le spese effettive delle riforme che hanno più impatto sociale“.

Manovra, rinvio del reddito di cittadinanza

L’idea cardine con cui il Governo vorrebbe convincere l’Europa per evitare le temute sanzioni è quella di spostare fondi pari al 0,2% del Pil , circa quattro miliardi, dalla quota cento e dal reddito di cittadinanza a investimenti per la crescita economica. Nel caso in cui questa soluzione non convincesse ancora l’UE, gli stessi fondi verrebbero destinati direttamente alla riduzione del deficit.

Le due riforme cuore della campagna elettorale e cardine del consenso di Lega e Movimento 5 Stelle stanno quindi cambiando natura. “Il dialogo in corso con le istituzioni europee” ha riportato alla realtà Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che non fanno pubbliche dichiarazioni in merito. M5S cerca però di tranquillizzare i suoi elettori e afferma che “non cambia l’impostazione del reddito e non si modifica la platea dei destinatari“.

Il rinvio a giugno, però, potrebbe effettivamente ridurre il deficit italiano.

Il segretario uscente del PD, Maurizio Martina, si dichiara scettico anche su questa nuova proposta del Governo. “Anche con il vertice notturno il governo fa propaganda e non decide nulla. Giocano con i decimali ma chi rischia davvero sono famiglie e imprese italiane” scrive su Twitter.