×

M5S: “Siamo sotto attacco, ma non cediamo al terrorismo”

Condividi su Facebook

Un post sul blog delle Stelle - poi rimosso - condanna il "terrorismo mediatico e psicologico". Fico: "Nessun attacco alla democrazia".

Nel blog del M5S è comparso un post secondo cui il Governo, e il popolo tutto, si troverebbero sotto l’attacco del terrorismo psicologico perpetrato dagli “zerbini delle lobby e dei poteri forti“, ovvero Pd e Forza Italia, maggiori esponenti dell’opposizione. Fico ribatte alla Camera: “Le opposizioni fanno il loro lavoro, nessun attacco alla democrazia”.

M5S: “Terrorismo mediatico e psicologico”

“Siamo sotto attacco. Il Governo, la Manovra del Popolo. La Democrazia è sotto attacco. È in corso una delle più violente offensive nei confronti della volontà popolare perpetrata in 70 anni di storia repubblicana”. E’ questo il contenuto di un post nel blog del Movimento 5 Stelle, che è stato poi rimosso in seguito alle contestazioni dell’opposizione: il Movimento è arrivato a parlare di “terrorismo mediatico e psicologico” perpetrato da “grandi lobby, poteri forti e comitati d’affari.

Lottano per sopravvivere, per mantenere i propri privilegi, benefit, prebende, che si sono arbitrariamente assegnati in questi anni sulla pelle degli italiani. Con l’indegna complicità del Pd e di FI, eterni zerbini dei potenti“.

Carfagna: “Lavoro delle opposizioni non è terrorismo”

In Aula a Montecitorio, dove si stanno svolgendo le votazioni finali sulla Manovra, è stata dura la protesta dell’opposizione contro il post. Mara Carfagna, di Forza Italia, si è unita alle contestazioni: “La presidenza apprende con disappunto di questa dichiarazione e ritiene improprio paragonare il legittimo lavoro delle opposizioni a un atto di terrorismo“, ha dichiarato la vicepresidente della Camera.

Fico: “La democrazia non è sotto attacco”

Il Presidente della Camera Roberto Fico ha sottolineato che “La democrazia non è sotto attacco. Tutti i parlamentari si stanno esprimendo in modo libero, e le opposizioni stanno facendo il loro lavoro“.

In linea con quanto detto da Mara Carfagna, ha ribadito che è “loro diritto opporsi anche alla Legge di Bilancio. Ciascun parlamentare sta semplicemente facendo il proprio lavoro con il pieno dei propri diritti”.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche