Di Maio: Lino Banfi rappresenterà il governo in commissione Unesco
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Di Maio: Lino Banfi rappresenterà il governo in commissione Unesco
Politica

Di Maio: Lino Banfi rappresenterà il governo in commissione Unesco

Reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza

In occasione della presentazione del reddito di cittadinanza Luigi di Maio annuncia la carica che il governo ha riservato all'82enne Lino Banfi.

“Vorrei ringraziare prima di tutto un ospite speciale con cui voglio iniziare questa giornata” esordisce Luigi Di Maio, nel corso dell’evento organizzato a Roma per presentare il reddito di cittadinanza. Il vicepremier chiama quindi a salire sul palco “il maestro Lino Banfi“. Il comico rappresenterà infatti il governo nella commissione italiana per l’Unesco.

L’investitura di Lino Banfi

“Oggi approfittiamo anche per dare una notizia all’Italia, notizia che mi riempie di orgoglio in quanto ministro dello Sviluppo economico. – annuncia Luigi Di Maio – Come governo abbiamo individuato infatti il maestro Lino Banfi perché rappresenti il governo nella commissione italiana per l’Unesco“. “Abbiamo fatto Lino Banfi patrimonio dell’Unesco” aggiunge quindi scherzosamente il leader del M5S.

“Che cosa devo aggiungere, con questo il ministro ha chiarificheto – ironizza subito dopo il comico salendo sul palco – I giornalisti prima mi chiedevano: ‘Ma tu che ci fai qua’. Io la prima volta mi sono inventato una risposta e ho detto: ‘Per salutare il premier per tre motivi, perché è corregionale mio, è romanista come me ed è il mio presidente del Consiglio, in quanto cittadino italiano visto che si parla di reddito di cittadinanza”.

L’82enne poi continua, sempre giocando un po’ con le parole: “Mi hanno investito di un incarico.

Questa mattina ho incontrato il ministro dei Beni culturali, ed io ho però pensato: ‘Ma che c’entro io con la cultura‘?”. Domanda che in effetti forse più di una persona si sarà posta.

All’Unesco per far ridere

Lino Banfi però spiega: “Ho scoperto di questa carica bellissima. Di solito in questi casi le commissioni si sono fatte con persone plurilaureate in questo e quell’altro, che conoscono bene la geografia. Tutte cose che io non ho e che non so. Io però voglio portare un sorriso dovunque, in qualunque modo anche nei posti più seri”.

“Io ho fatto scrivere proprio all’ingresso di un posto dove si mangia pugliese (cioè il suo locale, ndr) ‘Smile food’, perché il mio obiettivo è vedere la gente che sorride mentre mangia. Ma anche la gente che sorride mentre fa politica, come voi”, precisa quindi il comico.

“Questo reghezzo (indicando Luigi Di Maio, ndr), è bene che si sappia perché io le cose le devo dire papele papele, già prima delle elezioni mi volle conoscere.

– rivela quindi l’attore – Ci incontrammo a Venezia e mi disse che conosceva a memoria tutti i miei film. Poi ci siamo rivisti dopo che erano stati eletti, e il giorno del mio compleanno a luglio si presentò nella mia orecchietteria con un mazzetto di fiori. Mi ha fatto una tenerezza, perché come età potrebbe essere mio nipote”.

“Anche se io gliel’ho detto: quando parla da solo ha 32 anni ma quando parla con Salvini e Conte improvvisamente ne ha 55 di anni. – conclude Banfi – Mi ha detto che non gli interessava per chi votavo ma che questa investitura me la doveva perché ho fatto ridere tre generazioni. Questo mi è rimasto impresso”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche